MotoGp, Silverstone: trionfo di Dovizioso

A Silverstone suona l’Inno di Mameli e risuona la musica desmodromica per la quarta volta in questa stagione. Andrea Dovizioso vince il GP di Gran Bretagnadopo una gara in rimonta e una grande lotta con i rivali di Honda e Yamaha. Quella del pilota del Ducati Team è una prestazione che impressiona per determinazione e risultato grazie alla quale, adesso, conduce la classifica iridata. I piloti Movistar Yamaha salgono sul podio ma escono sconfitti: secondo Maverick Viñales e terzo Valentino Rossi. Su lecca le ferite Marc Marquez (Repsol Honda). Tradito dalla sua RC213V quando sembrava poter fare la differenza è costretto al ritiro e scivola al secondo posto iridato.

La gara della massima serie è l’ultima a svolgersi nel pomeriggio britannico in una giornata segnata dal sole e dalle alte temperature (25 gradi), contrariamente a quanto si era temuto alla vigilia. Tutti i piloti, eccetto Viñales, hanno montato la gomma dura posteriore. Per il talentuoso di Figueres invece la blanda. Dalla pole position scatta Marquez mentre il migliore del warm-up è stato Andrea Iannone(Team Suzuki Ecstar). The Maniac torna a dominare una tabella tempi e la sua gara inizierà dalla quinta fila, sarà però senza particolari acuti e finirà con un ritiro dopo aver abbattuto l’incolpevole Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing).

Con la gara inglese Rossi raggiunge il tetto dei 300 GP, numeri e record leggendari per il nove volte campione.

Il Dottore parte come un fulmine ed è davanti a tutti. Al secondo giro ha già un secondo e due sugli inseguitori ma non riesce ad andar via. Resta a distanza controllata mentre dietro la lotta per la seconda posizione non conosce pause. Da questa emerge la freccia rossa targata Borgo Panigale che lo costringe alla seconda piazza poi persa nello scontro di box con Viñales. Rossi ora è quarto in campionato con 157 punti.

Dovizioso è la stella della domenica. Scattato dalla sesta casella sulla griglia di partenza, il pilota di Forlimpopoli recupera una posizione ai danni del collega di box Jorge Lorenzo. Dopo qualche giro ha la meglio anche su Cal Crutchlow (LCR Honda). La grande gara di Dovizioso prosegue attaccando con successo Marquez alla curva 1 nel corso del decimo passaggio e arrivando al secondo posto dopo aver superato Viñales. Attende qualche passaggio, affila le armi e a meno tre dalla fine mette dietro il Dottore. Prova ad andar via con risultato. Anche il ritorno di Viñales che ha avuto al meglio su Rossi non lo impensierisce e vince, ancora, in Inghilterra là dove aveva raccolto il primo successo in MotoGP™. Ora comanda la classifica con 183 punti.

Dopo lo spegnersi del semaforo Márquez resta al secondo posto senza saper tenere il passo di Rossi. Il talento di Cervera subisce l’attacco di Viñales per poi riprendere la posizione. A meno sette giri dalla fine la svolta anche a livello iridato: la RC213V accusa un problema tecnico e Marquez è costretto al ritiro. Zero punti in campionato e la seconda piazza generale. È la prima volta in questa stagione che la sua moto non finisce una gara. Marquez adesso paga un ritardo di nove punti da Dovizioso (174).

Per Viñales una corsa all’attacco, dopo quattro passaggi ha recuperato qualche cosa al collega di scuderia, primo e in fuga. Alla fine però subisce il ritorno della Ducati numero 4 vincendo la sfida interna alla scuderia e salendo a 170 lunghezze iridate.

Giù dal podio Cal Crutchlow, partito dalla prima fila, mentre al quinto posto si posiziona Jorge Lorenzo (Ducati Team). Poi Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) e Dani Pedrosa (Repsol Honda).

Aprila costrette al ritiro e Alex Rins (Suzuki Ecstar) è nono.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9896 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*