F1, Gran Premio del Belgio: Seb secondo, Kimi quarto

Secondo e quarto posto per la Scuderia Ferrari in un GP del Belgio combattuto fino all’ultimo. Sebastian Vettel conquista la piazza d’onore, Kimi Raikkonen recupera dopo una penalità. In classifica Piloti, Sebastian è ancora davanti con 7 punti su Hamilton.

Al via, Seb si mette in caccia di Hamilton, facendosi vedere alla staccata di Combes, mentre Kimi tallona Bottas. “We can go with him”, possiamo tenere il ritmo, assicura Vettel alla radio. In questa fase, i primi quattro piloti sono racchiusi in cinque secondi. Le gomme delle SF70H non accusano blistering sul battistrada e il decimo passaggio di Sebastian è il più veloce della gara, mentre dietro iniziano i pit-stop. Alla fine del 12. Giro è Hamilton che entra per cambiare pneumatici (da Ultrasoft a Soft). Al giro 13 va dentro anche Bottas: anche lui sceglie la mescola più dura.

La Ferrari copre la strategia avversaria chiamando Seb ai box al passaggio successivo. Anche lui monta le Soft ed esce dietro a Kimi che lotta con Hamilton, poi va ai box. Ma per lui arriva una doccia fredda: 10” di stop-and-go per mancato rallentamento sotto regime di bandiere gialle. “Peccato, la macchina stava andando così bene…”.
Seb, intanto, ha ridotto a circa un secondo il distacco dal leader. Raikkonen inizia la rimonta passando Ocon per la sesta posizione. A 20 giri dal termine infila Hulkenberg sulla salita di Kemmel ed è quinto.

Colpo di scena al trentesimo giro: Perez sbatte, perde la ruota posteriore destra cercando di restare in pista e fa uscire la safety car. La Ferrari chiama subito i due piloti ai box per montare gomme da qualifica. Gli avversari reagiscono ma rimontando le Soft. Alla ripartenza dopo la neutralizzazione i distacchi saranno quindi minimi e le mescole diverse.

La safety car rientra alla fine del 33esimo passaggio. Seb tiene sotto pressione Lewis ma non riesce a passare, ci riesce invece Kimi che con Ricciardo scavalca Bottas che va oltre i limiti della pista. Al 36esimo giro si può di nuovo usare il DRS ma il distacco è sopra il secondo. Al quarantesimo, Vettel segna il miglior tempo della gara. Non basta a vincere, ma alla vigilia di Monza è un risultato che va al di là di tante previsioni.

POS
DRIVER
CAR
LAPS
TIME/RETIRED
1
LEWIS
HAMILTON
MERCEDES
44
1:24:42.820
2
SEBASTIAN
VETTEL
FERRARI
44
+2.358S
3
DANIEL
RICCIARDO
RED BULL RACING TAG HEUER
44
+10.791S
4
KIMI
RÄIKKÖNEN
FERRARI
44
+14.471S
5
VALTTERI 
BOTTAS
MERCEDES
44
+16.456S
6
NICO
HULKENBERG
RENAULT
44
+28.087S
7
ROMAIN
GROSJEAN
HAAS FERRARI
44
+31.553S
8
FELIPE
MASSA
WILLIAMS MERCEDES
44
+36.649S
9
ESTEBAN
OCON
FORCE INDIA MERCEDES
44
+38.154S
10
CARLOS
SAINZ
TORO ROSSO
44
+39.447S
11
LANCE
STROLL
WILLIAMS MERCEDES
44
+48.999S
12
DANIIL
KVYAT
TORO ROSSO
44
+49.940S
13
JOLYON
PALMER
RENAULT
44
+53.239S
14
STOFFEL
VANDOORNE
MCLAREN HONDA
44
+57.078S
15
KEVIN
MAGNUSSEN
HAAS FERRARI
44
+67.262S
16
MARCUS
ERICSSON
SAUBER FERRARI
44
+69.711S
17
SERGIO
PEREZ
FORCE INDIA MERCEDES
42
DNF

 

 

Fonte: ferrari.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9914 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*