Campania, Muscarà (M5S): “De Luca è un pericolo vivente per l’ambiente”

“Campania la regione più ambientalista d’Italia? Affermazioni deliranti. Sarà l’effetto del sole sul governatore, penitente da due giorni ad Ischia per provare a far dimenticare la sua vituperata legge sul condono mascherato che fortunatamente il governo ha bloccato. De Luca si scaglia contro gli ambientalisti, dimenticando che ne ha uno “pezzotto” o meglio “sfessato” come lui stesso lo ha definito, tra le sue fila, che pur gli firma tutte le iniquità ammazza ambiente che stanno infliggendo un colpo mortale all’ambiente in Campania”. E’ l’affondo di Maria Muscarà, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Ambiente, che continua: “L’elenco dei provvedimenti già adottati è lunghissimo e dovrebbe allarmare chiunque ha a cuore la difesa dell’ambiente. A novembre 2015 la legge sulla privatizzazione dell’acqua, vergognoso e pasticciato provvedimento osteggiato dai veri ambientalisti e votato dai suoi, finti verdi inclusi. Legge sui rifiuti, che non contiene nessuna azione efficace sulla riduzione dei rifiuti, sul riuso e sul compostaggio vero, ma solo il finanziamento degli impianti per la produzione del gas di cui verrà disseminata la Campania, oltre all’aumento della capacità di incenerimento ad Acerra, che corre nella sfida di essere il bruciatore più bruciatore di Europa” – attacca la consigliera, che aggiunge: “Senza contare il fallimento del tanto declamato piano per lo smaltimento delle ecoballe, che vanno in giro per l’Europa e poi rallentano, e il cui destino sarà di venire bruciate e sotterrate. Ma per bruciare tutte le ecoballe secondo il piano De Luca ci vorrebbero 103 anni, ed allora via libera anche ai cementifici”. ” Ma il governatore non perde occasione per fare ancora peggio, ed allora diventa legge la riapertura delle cave in zone altamente critiche, quelle chiuse da 30 anni; del resto le ceneri delle ecoballe bruciate nei cementifici dove metterle? Per non parlare della legge sui parchi, vergognoso esempio di manipolazione della realtà, si finge di snellire e sventolando la bandiera de “l’ambientalismo ingessa”, quella per cui oggi il presidente minaccia querele, e si consente anche a chi non ha alcuna competenza ambientale di diventare presidente di un Parco” – prosegue Muscarà, continuando l’elenco delle scelte di De Luca contro l’ambiente: “Ed ancora il voto contrario di De Luca e della sua maggioranza, verdi “pezzotti” inclusi, all’abolizione del pericolosissimo pesticida glifosato, contenuta in una nostra mozione, e la bocciatura di tutte le nostre proposte per una mobilità sostenibile e l’investimento in mobilità “insostenibile”, una per tutti, mentre con lo stesso fondo di finanziamento Bolzano acquistava bus ad idrogeno, in Campania il governatore fossile acquistava bus usati vecchi di sei anni dalla Polonia”. “Potremmo continuare un elenco interminabile – conclude la consigliera Muscará – questa è la politica del Pd e dei suoi alleati. Siamo in mano ai fossili, è ora che l’ambientalismo, quello vero si ribelli e strappi la veste stracciona con la quale il governatore tenta di coprire le sue vergogne e magari si muova ad espellere dalle sue fila chi verde non è”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9870 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*