Via Curtatone, Cardilli: “L’amministrazione ha svolto pienamente le sue funzioni”

Sgombero Via Curtatone – “Lo sgombero dell’immobile privato avvenuto sabato 19 agosto è stato disposto dalla Prefettura. Noi abbiamo appreso venerdì 18 agosto, che l’operazione sarebbe avvenuta in quella data. Nei mesi precedenti, tramite gli operatori della Sala Operativa Sociale (SOS), abbiamo tentato più volte di effettuare il censimento delle persone presenti nell’immobile, ma non era stato possibile a causa dell’opposizione degli occupanti. Un impedimento che era stato segnalato alla Prefettura. Successivamente la stessa Prefettura ci ha consegnato un censimento che non segnalava, ad esempio, la presenza di minorenni tra gli occupanti. Al momento dello sgombero erano, invece, presenti 37 minorenni”.  E’ quanto riferisce il delegato alla Sicurezza di Roma Capitale, Marco Cardilli.

“Soltanto in seguito allo sgombero – spiega – gli operatori della SOS hanno potuto effettuare il censimento completo delle fragilità presenti nell’immobile. A tutti è stata garantita prima assistenza ed è stata formulata una proposta per l’inserimento nel circuito di accoglienza di Roma Capitale. Tuttavia, molti hanno rifiutato l’offerta. L’amministrazione capitolina, sia prima dello sgombero che in seguito alle operazioni, ha svolto pienamente le proprie funzioni senza lasciare nulla di intentato”.

“Grazie a un accordo con la società che gestisce l’immobile, vengono inoltre  messe a disposizione 6 unità abitative per accogliere circa 40 fragilità. Abbiamo agito all’insegna delle programmazione e con l’obiettivo di garantire supporto a tutti coloro ne avessero diritto, all’interno del perimetro delle nostre competenze come stabilito dal decreto 14/2017 c.d. Decreto Minniti”, conclude.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*