Terremoto Ischia: geologi, crolli non normali per magnitudo 4

epa06155780 A handout photo made available by Italian Carabinieri police shows a still image from a video taken from an helicopter of the damage after earthquake on Ischia island the day after the earthquake, 22 August 2017. A 4.0 magnitude earthquake hit Ischia Island on 21 August, killing two people and injuring at least 39. EPA/ITALIAN CARABINIERI POLICE HANDO --BEST QUALITY AVAILABLE-- HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Dopo i gravissimi danni prodotti dal terremoto di Ischia, ormai non resta che sperare nella clemenza degli eventi sismici, in assenza di interventi preventivi e di carattere strutturale. Per questo, il Codacons chiede l’apertura di procedimenti penali a carico dei sindaci dei Comuni terremotati succedutesi negli ultimi 10 anni per concorso in disastro colposo e invita tutti gli abitanti cittadini di Ischia a costituirsi parte civile.

È assurdo e ingiustificabile che in un Paese a rischio come l’Italia, dodici mesi dopo i catastrofici eventi sismici del Centro Italia, nulla (o quasi) sia stato fatto; ma è inaccettabile e indegno per un Paese civile che, proprio per la mancanza di prevenzione nel corso del tempo, qualsiasi tipo di evento sismico rappresenti ormai un pericolo potenzialmente letale.

Il problema non riguarda quindi – come dicono alcuni – solo l’ultimo anno: è altrettanto assurdo che il nostro Paese sia sprovvisto di un Piano Antisismico Nazionale, di una normativa di riferimento lungimirante e chiara negli obiettivi. Tanto che una proposta di legge in proposito (a prima firma di Gianluca Benamati) langue dal lontano 11 giugno 2013 in Parlamento, e chissà per quanto farà la spola tra le varie commissioni.

I cittadini continuano a fare le spese dei ritardi e delle incertezze delle istituzioni; i nostri governanti devono prendersi la responsabilità di governare, individuando una volta per tutte le priorità del Paese e intervenendo di conseguenza.

Invece di disperdere risorse per incentivi e bonus vari è il momento di concentrarle sulla sicurezza. Una cosa è certa: se non bastasse l’argomento della perdita di vite umane, mettere in sicurezza l’Italia costerebbe meno che ricostruirla. Il costo dei terremoti, negli ultimi 50 anni, supera la cifra di 121 miliardi; è come se gli italiani pagassero una tassa annuale da 2,6 miliardi di euro per riparare i danni.

“C’è una ragione se, subito dopo un terremoto, piovono annunci di provvedimenti, giri di vite, repulisti e rivoluzioni – e poi, puntualmente, tutto resta com’era. I terremoti sono meno frequenti delle tornate elettorali. Basta rimandare ai posteri il problema, e il gioco è fatto”, dichiara il Presidente Carlo Rienzi. “Adesso vediamo in quanti ci parleranno di prevenzione: ma resteranno parole al vento finché non si attueranno misure concrete per mettere in sicurezza il territorio”, conclude.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9914 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*