“Settembre, Regione Lazio… un mare di opportunità”, il 28 agosto ultimo giorno per le candidature

Il 28 agosto sarà l’ultimo giorno utile per la presentazione delle candidature, per la partecipazione a titolo gratuito, alla manifestazione “Settembre, Regione Lazio… un mare di opportunita”, rivolto a cooperative di pescatori locali e aziende agroalimentari del territorio laziale. L’evento, organizzato dall’Ente Regionale RomaNatura, in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio e l’Arsial, si svolgerà nei week-end del 9/10 e 16/17 settembre, presso la Casa del mare di Ostia, splendida sede dell’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno.

“Intendiamo potenziare la collaborazione con le associazioni professionali di agricoltori e pescatori, con le associazioni ambientaliste e i comitati locali, creando nuovi spazi di socialità, aggregazione e confronto su diversi temi legati allo sviluppo sostenibile, sostenendo anche la nascita di flussi commerciali e turistici legati nello specifico alle Secche di Tor Paterno e alla creazione e promozione di nuovi mercati e punti vendita per i prodotti agroalimentari ed ittici a filiera corta e miglio zero del Lazio, potenziando così la piccola pesca locale e l’agricoltura sostenibile”, dichiara Maurizio Gubbiotti, presidente dell’Ente Regionale RomaNatura.
“La manifestazione “Settembre, Regione Lazio …un mare di opportunità”, che prevede tante iniziative interessanti, nasce per dare continuità al lavoro svolto dall’amministrazione Zingaretti, anche con l’approvazione della legge regionale sulla filiera corta e il miglio zero, e rendere anche la nostra Riserva Marina e la Casa del mare, luoghi dove incontrare natura e biodiversità, ma anche produzioni di qualità, agricoltura e pesca sostenibili”, continua Cristiana Avenali, consigliera PD della Regione Lazio e componente della Commissione Ambiente. “Saranno presenti farmer’s market, cooperative di pescatori locali e imprese agroalimentari laziali di eccellenza; vogliamo promuovere nuovi mercati per valorizzare i nostri prodotti ittici, a sostegno della pesca artigianale, anche con una campagna informativa-educativa rivolta alla conoscenza delle peculiarità agroalimentari ed ittiche”.

“L’obiettivo è quello di creare un circuito virtuoso per la diffusione dei prodotti, accrescendo allo stesso tempo la collaborazione tra Regione, Arsial, Ente RomaNatura, operatori professionisti, associazioni e cittadinanza, anche dal punto di vista della difesa della biodiversità, costituendo osservatori su temi particolarmente sensibili, dai delfini capitolini al Mediterraneo, con particolare riguardo alla lotta contro il marinelitter, l’inquinamento da microplastiche, in cui i pescatori possono davvero svolgere un ruolo fondamentale”, prosegue il presidente Gubbiotti.

“Vorremmo che l’esperienza dell’Area Marina delle Secche di Tor Paterno con il progetto ‘Un mare di opportunità’, ma anche con quelli relativi all’agricoltura sostenibile a filiera corta nei nostri Parchi, divengano un vero e proprio volano per lo sviluppo e la valorizzazione delle produzioni agro-alimentari nelle Aree Protette della nostra Regione: partendo dalle grandi risorse ambientali, naturalistiche e paesaggistiche che questo grande territorio possiede, dobbiamo promuovere le buone pratiche ambientali che perseguono la tutela degli habitat e degli ecosistemi, perché possa essere sostenuta la crescita delle imprese, che puntano sulla tutela ambientale, la biodiversità, l’agricoltura sostenibile, creando nuova occupazione per le comunità locali”, conclude la consigliera Avenali.

Ma le iniziative di settembre non finiscono qui. Dal 30 settembre al 1 ottobre, nel bellissimo scenario dei Fori Imperiali di Roma, si svolgerà la seconda edizione di “Terra del Futuro”, due giorni promossi in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio in occasione del ventennale della legge regionale sui Parchi 29/97, e interamente dedicati alle riserve naturali laziali con i prodotti tipici dei parchi, dove qualità e tradizione delle eccellenze eno-gastronomiche territoriali saranno a sostegno delle imprese agricole a filiera corta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*