Elezioni Ostia, si vota il 5 novembre: solo chiacchiere da ombrellone

elezioni ostia elezioni x municipio

Elezioni Ostia – Siamo pian piano arrivati al 21 agosto, tutti in attesa di questa fantomatica data delle elezioni che ancora non arriva, alcuni rumors parlano del 5 novembre ma sono solo voci di corridoio, le famose chiacchiere da ombrellone e poi per le elezioni Ostia è davvero pronta?
Lo scenario rimane lo stesso, Marsella, CasaPound, Di Pillo, M5S, Picca o Masi, per il centro destra, Mister X, per il PD, e l’ufficializzazione di Don Franco De Donno che finalmente ieri ha sciolto tutti i dubbi durante la messa con l’annuncio di Don Giovanni Falbo, parroco di Santa Monica, che ha confermato che De Donno lascerà la chiesa. Da capire se in via definitiva o a tempo determinato, non è prevista infatti una doppia carica da parte della chiesa cattolica.

Attualmente in questo bolli e ribolli pre elezioni Ostia non ha ancora assistito ad un confronto politico vero e proprio, Marsella è l’unico candidato che ha chiamato in causa per un faccia a faccia prima Di Donno e poi  Di Pillo non ricevendo risposta rimanendo in attesa caso mai uno dei due avversari cambi idea e decida per un si.

ELEZIONI OSTIA: CHI SONO LE FORZE IN CAMPO

Entriamo nel dettaglio di quello che sta accadendo, il centro destra ancora non ha scelto il suo leader  tra la Masi di Forza Italia, che nei giorni scorsi ha organizzato un incontro con i cittadini  ad Ostia Antica in una riunione informale con diversi cittadini intervenuti e la partecipazione del senatore Francesco Giro, e la Picca di FDI che un paio di giorni fa in un “blitz” ha chiuso la fontanella che perdeva acqua nel parco dei Fusco e la presentazione di un’interrogazione sulla ex colonia Vittorio Emanuele.

Il PD,  che attualmente si trova a Chi l’ha visto poichè ancora non si è espresso su un possibile candidato, Bindi a parte, con molta probabilità dovrà fare più di un bagno nel Gange per far si che gli elettori tornino ad avere fiducia  nel partito dopo il coinvolgimento in Mafia (ops!) Capitale e negli affari di Buzzi e Carminati dell’ex presidente Andrea Tassone.

CasaPound continua una campagna elettorale che in realtà è la loro azione sul campo ormai da anni seguendo la propria linea senza se e senza ma, tra chi li attacca per i loro manifesti e l’azione in spiaggia contro i venditori abusivi dimenticando che, da quando abbiamo memoria, abbiamo sempre visto in giro i manifesti di CasaPound e le manifestazioni contro i mercatini degli abusivi a viale della marina, oggi però fanno scalpore.

Il Movimento 5 Stelle nella Di Pillo pare abbia trovato la “faccia pulita” per poter continuare il lavoro intrapreso con il commissario Vulpiani, che in realtà in tanti hanno criticato, e questo potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio.

Il movimento di sinistra dell’ex sacerdote Franco Di Donno (ma i comunisti non mangiavano i bambini qualche anno fa? ndr) vorrebbe riunire diverse realtà che lavorano nell’ambito sociale, una sorta di partito dei Papaboys.

Poi ci sono gli attivisti radicali  che scrivono post su Facebook, articoli su blog, e vanno in giro di notte a scarabocchiare i manifesti elettorali con insulti e minacce (la preferivamo quando i manifesti li strappavano almeno aveva un senso) non sappiamo se abbiano voglia di fare campagna elettorale oppure no.

Probabilmente abbiamo dimenticato qualcuno ma se lo abbiamo fatto prima di tutto ci scusiamo ma poi ci diciamo: ci sarà un motivo se lo abbiamo dimenticato…

Elezioni Ostia il 5 novembre?

Una provocazione la vogliamo lanciare, a chi ad Ostia ci è nato e vissuto, a chi ha amato questa città di mare e a chi si ricorda dei momenti di gloria che ha vissuto negli anni, vi sta bene vederla ridotta così? Per una volta la domanda che l’elettore deve porsi è se voterebbe un candidato che abbia realmente l’interesse a rimediare e a ricostruire un territorio a prescindere dalla propria fede politica, se vuole mettere l’interesse di una città e il  futuro di chi la vive nelle mani di chi ha intenzione di governare come si deve, per una volta si chiede all’elettore un voto di coscienza, Ostia ha bisogno di un presidente che non sia una “carica politica”.

Può darsi che la nostra visione sia “leggermente” utopistica, ma alla fine sempre la stessa domanda ci facciamo… chi votiamo?

 

Ricordiamo i nostri lettori nel X° Municipio che è ancora attivo il sondaggio su chi volete come presidente, votate perché vogliamo conoscere il vostro parere. Potete raggiungere il sondaggio a questo link.

Informazioni su Giovanni Soldato 3195 Articoli

Giovanni Soldato, specialista della fotografia…. secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell’ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall’estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*