Sbk: la guida della domenica del Lausitzring

1° in campionato – Jonathan Rea 
Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha ottenuto in Gara1 il suo 104esimo podio e adesso gliene mancano solo cinque per diventare il pilota britannico di maggior successo nella storia del WorldSBK, eguagliando così Carl Fogarty (109). Per la quarta volta consecutiva è arrivato secondo: è solo la seconda volta nella storia del campionato che c’è questa sequenza, infatti l’altro pilota ad aver ottenuto questi risultati era stato Frankie Chili nel 2003, quando aveva concluso secondo a Phillip Island, Sugo, Monza e Oschersleben. La sequenza di Rea ha la caratteristica unica che è stato secondo in qualifica per quattro volte dietro al suo compagno di squadra. Il nord-irlandese si prepara ad affrontare la sua 210^ partenza in Gara2, la sua 70esima con Kawasaki. Finora ha ottenuto 2986.5 punti in carriera: con un terzo posto in Gara2 diventerà il quarto pilota nella storia con almeno 3000 punti. La top 3 vede in testa Troy Corser (4021.5), seguito da Noriyuki Haga (3691) e Carl Fogarty (3020).
2° in campionato – Tom Sykes
In Gara1 Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) ha eguagliato la sua miglior sequenza di podi conquistati, 8: la prima volta l’aveva ottenuta nel 2013 da Gara2 di Aragon a Gara1 di Algarve. Questa è la 42esima pole per Tom Sykes e gliene manca una per raggiungere Troy Corser. Questa è stata la sua prima pole al Lausitzring e ora ne ha ottenuto almeno una in 16 circuiti diversi. Buriram è l’unico tracciato attualmente in calendario dove non è ancora partito dalla pole position. Per 36 gare consecutive è andato a punti: Sykes occupa il terzo posto in questa speciale classifica e ne ha bisgno di ancora tre per raggiungere il secondo posto dove c’è Max Biaggi, 39: Brno 2009/1-Donington 2011/1.  Per la quarta volta consecutiva Kawasaki ha ottenuto i due primi posti in qualifica, la seconda sequenza più lunga della storia. Ducati nel 1992 è riuscito a fare una doppietta in qualifica in cinque fine settimana di seguito: Spa, Jarama, Zeltweg, Mugello e Johor. Questa si è interrotta a Sugo, quando Kevin Magee (Yamaha) si è qualificato secondo dietro a Doug Polen (Ducati).
3° in campionato – Chaz Davies 
25esima vittoria in carriera per Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) in Gara1. Il britannico ha anche ottenuto due numeri tondi: il suo 60esimo podio (traguardo raggiunto in questo tracciato precedentemente da Troy Bayliss e Noriyuki Haga nel 2006), il 50esimo con Ducati. Davies è il quinto pilota che ha conquistato almeno 50 podi con Ducati: Fogarty ne ha firmati 100 ed è seguito da Troy Bayliss (94), Troy Corser (60) e Raymond Roche (57). Il gallese ha bisogno di una vittoria per eguagliare Carlos Checa, che ne ha vinte 22 con Ducati. Carl Fogarty ha ottenuto 55 vittorie con Ducati ma con tre diversi modelli: 888, 916 e 996.
4° in campionato – Marco Melandri 
Come nella sua Gara1 a Laguna Seca, Marco Melandri è quarto in griglia, in gara e nella classifica dei giri più veloci. Melandri ha concluso quarto nelle ultime tre gare: nella storia del WorldSBK c’è solo un pilota che ha ottenuto quattro quarti posti consecutivi, si tratta di Regis Laconida, da Gara2 di Monza nel 2003 a Gara1 di Silverstone.
5° in campionato – Alex Lowes
Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) partirà domani dalla prima fila per la quarta volta quest’anno, la prima dalla seconda gara di Aragon, ad Aprile.
8° in campionato – Leon Camier 
In Gara1 Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse) ha eguagliato il suo miglior risultato della stagione, un quinto posto, già ottenuto nella gara d’apertura a Phillip Island.
13° in campionato – Lorenzo Savadori
Nelle qualifiche Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia) ha conquistato per la seconda volta la prima fila in questa stagione, dopo aver ottenuto il terzo posto ad Assen.
Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*