Il Papa all’Angelus: “La fede non è una scappatoia, ma sostiene nel cammino”

Per la Chiesa “la garanzia contro il naufragio è la fede in Cristo” e non le capacità dei suoi uomini. E “la fede non è una scappatoia dai problemi della vita, ma sostiene nel cammino e gli dà un senso”.

Papa Francesco lo ricorda all’Angelus di questa domenica commentando il brano del Vangelo di Matteo proposto dalla Liturgia.  L’episodio descritto è quello in cui Gesù cammina sulle acque del lago di Galilea, dirigendosi verso la barca dei suoi discepoli. La barca, in mezzo al lago, è colpita da un forte vento contrario. Di fronte alla paura dei suoi, che lo scambiano per un fantasma, Gesù rassicura: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!» . Subito anche Pietro desidera camminare sull’acqua, ma poi si agita e comincia ad affondare gridando: “Signore, salvami!”.

E’ una pagina che, dice Francesco, “ci fa riflettere sulla nostra fede, sia come singoli, sia come comunità ecclesiale, anche di tutti noi qui oggi in Piazza”La barca è la vita di ognuno di noi ma è anche la vita della Chiesa alle prese con difficoltà e prove. E allora dice il Papa: “l’invocazione di Pietro: «Signore, comandami di venire verso di te!» e il suo grido: «Signore, salvami!» assomigliano tanto al nostro desiderio di sentire la vicinanza del Signore, ma anche la paura e l’angoscia che accompagnano i momenti più duri della vita nostra e delle nostre comunità, segnata da fragilità interne e da difficoltà esterne”.

Il punto è che a Pietro, “non è bastata la parola sicura di Gesù”, che era come la corda a cui aggrapparsi e, continua il Papa, questo è quanto può capitare anche a noi. “Quando non ci si aggrappa alla parola del Signore ma, per avere più sicurezza, si consultano oroscopi e cartomanti, si comincia ad andare a fondo”.

La fede nel Signore e nella sua parola, dice ancora Francesco, non significa avere una vita facile e tranquilla, ma “la fede ci dà la sicurezza di una Presenza, quella presenza di Gesù, che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio”.

L’immagine della barca è quella della Chiesa di tutti i tempi,  una barca che deve anche affrontare venti contrari e tempeste. “Ciò che la salva, sottolinea Francesco, non sono il coraggio e le qualità dei suoi uomini: la garanzia contro il naufragio è la fede in Cristo e nella sua parola, questa è la garanzia.”

Su questa barca siamo al sicuro, afferma il Papa, nonostante le nostre miserie e debolezze, specialmente quando in ginocchio diciamo al Signore: “Davvero tu sei il Figlio di Dio!”. Che bello dire a Gesù questa parola, esclama Francesco e invita i fedeli a ripeterla a voce alta subito, insieme, per poi concludere: “Che la Vergine Maria ci aiuti a rimanere sulla barca della Chiesa rifuggendo la tentazione di salire sui battelli ammalianti ma insicuri delle ideologie, delle mode e degli slogan”.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9860 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*