MotoGp, Austria 2017: la pagella del Dicos

ANDREA DESMODOVI 10: Consistente in prova, bravo in qualifica, superbo in gara. L’imperatore desmodovico detta la sua legge tra i cordoli austriaci e risponde alla grande agli attacchi del campione del mondo in carica. Gli ultimi 7 giri sono un inno alla gioia sportiva; sorpassi e controsorpassi al limite senza macchia alcuna. Da applausi la resistenza nell’ultima curva, quando dimostra una freddezza, una classe  e attributi che sconfiggono il talento più accreditato della massima serie. Credici Andrea, credici fino alla fine!

 

MARC MARQUEZ 9: L’asso della Honda centra la settantesima pole e porta a casa una piazza d’onore che pesa come un macigno sulle velleità iridate dei rider ufficiali di Iwata. Per lui il fine settimana poteva essere ancora più fruttuoso ma il suo cammino è stato fermato dalla forza del binomio tutto italiano con il numero 4 sulle carene. A fine gara ammette candidamente che il Dovi è stato semplicemente più veloce. Bravo!

 

DANI PEDROSA 8,5: Ottavo in griglia di partenza, terzo alla bandiera a scacchi. Per lui un podio che fa morale e che non guasta la lotta ed i piani di chi lo ha preceduto. Ottimo!

 

JORGE LORENZO 7,5: Per 11 giri detta il ritmo al gruppo. Poi, causa anche il decadimento dello pneumatico posteriore, è costretto a cedere il passo al compagno di squadra ed al duo iberico ufficiale Honda. Per lui, forse, è la migliore gara dell’anno, con il distacco dal vincitore contenuto in soli 6 secondi. A differenza di chi lo prendeva in giro per un torcicollo, nel frattempo finito nel dimenticatoio anche sulle pagine gossippare, a fine gara corre a congratularsi con il teammate. La strada da fare è ancora tanta ma c’è un cambio di rotta che può regalare al campionato un nuovo protagonista. Fuerza!

 

JOHANN ZARCO 8,5: In quella che è una giornata da dimenticare per gli ufficiali, la sua M1 tutta privata è ancora una volta la prima al traguardo. Félicitations!

 

MAVERICK VINALES 5: Opaco in qualifica, in difficoltà allo spegnimento del semaforo. Che fine ha fatto il cannibale di inizio stagione? Perché non riesce più a far danzare la sua moto come vuole? Mistero!

 

VALENTINO ROSSI 4: Mister 9 volte, al di là di quello che qualcuno ha urlato o scritto, non è mai stato della partita, neanche per finta. Una prestazione che getta ombre sul sogno del “decimo” e che dovrebbe far riflettere il suo team. Non c’è!

 

DUCATI: Gagliarda!

 

HONDA: In palla!

 

YAMAHA: Occorre fare una scelta; un conto è il marketing un altro è la competizione. Bisognerebbe, poi, mettere da parte chi guida lo sviluppo per manifesta incapacità….

 

KTM: Sorpresa.

 

SUZUKI: Male.

 

APRILIA: In difficoltà.

 

GARA: Bella, bella, bellissima!

 

URLA: Che goduria urlare a squarciagola” Dovi c’è, la Ducati c’è!”, vero?

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*