MotoGp: 70 pole position per Marc Marquez

Marc Marquez non si ferma e punta dritto alla quarta vittoria stagionale. Per raggiungere il terzo successo di fila con palcoscenico il GP d’Austria, il portacolori Repsol Honda partirà dalla pole position. Sono tre i domini in qualifica consecutivi del catalano, cinque in totale, dalla Germania a Spielberg e anche questa volta il campione del mondo è il pilota da battere. Ci proveranno le Ducati ufficiali, che inizieranno la gara al Red Bull Ring dalla prima fila. Lo faranno le Yamaha del team Movistar che pagano un ritardo più grande del leader iridato.

La sfida per la pole in Stiria inizia sotto un cielo velato. La pioggia che ha caratterizzato la prima giornata austriaca è solo un ricordo e le condizioni dell’asfalto sono ottimali per una lotta fino dal primo all’ultimo secondo utile.

Sfrutta le battute iniziali di pista libera Marquez, che ha dominato le libere ed è tra i primi a scendere in pista. Da subito, imprendibile, al quarto giro ha già abbassato il record delle qualifiche risalente al 2016 e mette a referto un ferreo 1:23.235s che nessuno riuscirà a battere.

Dietro, con il passare delle tornate, emerge Andrea Dovizioso (Ducati Team). Il numero 4 ha segnato il miglior tempo del primo giorno e, adesso, prova a rendere reale il pronostico sulla carta favorevole alle moto di Borgo Panigale. Ma le previsioni si scontrano contro il primato del pilota HRC e ‘Desmo Dovi’ chiude a 0,144s dal tempo di riferimento. Il terzo in campionato è vicino e fa paura al team ufficiale dell’ala.

Dietro del forlivese, il compagno di box Jorge Lorenzo che, al sesto passaggio, si pone al secondo posto per poi essere spodestato proprio dal collega di Team. Allo sventolare della bandiera a scacchi Lorenzo è comunque in prima fila per la seconda volta in questa stagione dopo Jerez. 0,386s il ritardo del maiorchino.

Anche Valentino Rossi è tra i corridori che lasciano il box per primi. Il pilota Movistar Yamaha MotoGP sale in alto alla tabella tempi da subito ma non riesce a fare il suo miglior giro e chiude le qualifiche conquistando l’apertura della terza fila.

Meglio del Dottore fa invece il compagno di team Maverick Viñales che tenta di conquistare la terza casella ma resta escluso per poco segnando il quarto tempo davanti ad un ottimo Danilo Petrucci, arrivato direttamente dal dominio della Q1.

Di fianco a Rossi partiranno Dani Pedrosa (Repsol Honda) e Cal Crutchlow (LCR Honda). Decima piazza per Andrea Iannone (Suzuki Ecstar).

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9866 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*