Tiro con l’arco, coppa del mondo, eliminati gli azzurri a Berlino

Nella quarta tappa di Coppa del Mondo a Berlino (Ger) dei sei azzurri impegnati negli scontri individuali in cinque vengono eliminati ai 16esimi. Nell’olimpico Nespoli-Gstoettner (Aut) 4-6, Boari-Unruh (Ger) 0-6; nel compound uomini Paolidori-Roux (Rsa) 144-146 e Pagnoni-Horosz (Hun); nel compound donne Franchini-Jensen (Den) 142-143, mentre si ferma ai quarti Marcella Tonioli che prima batte 149-145 Damsbo (Den), poi 146-139 Mlinaric (Cor), ma poi viene superata 144-143 da Ochoa-Anderson (Col).

Nessun italiano è quindi riuscito a guadagnare i punti necessari per entrare tra i migliori 7 per la finale di Roma del 2-3 settembre. L’Italia allo Stadio dei Marmi “Pietro Mennea” avrà in gara un arciere in ogni gara prevista dal programma in qualità di paese ospitante: 1 nel ricurvo maschile e 1 nel femminile; 1 compound maschile e 1 compound femminile, cui si aggiungono le due squadre mixed team.

Si conclude oggi la corsa degli azzurri nella quarta tappa di Coppa del mondo in svolgimento a Berlino. Nessun arciere italiano raggiunge le finali, dopo le eliminazioni delle squadre di ieri, oggi negli scontri individuali la migliore è Marcella Tonioli nel compound. L’ultima vincitrice della World Cup si arrende ai quarti.

Per le finali di Roma, in programma il 2 e 3 settembre allo Stadio dei Marmi “Pietro Mennea”, l’Italia sarà così impegnata con quattro arcieri, uno per ogni specialità (arco olimpico maschile e femminile, compound maschile e femminile), grazie ai posti garantiti al Paese che organizza la gara. Al Foro Italico ci saranno anche i due mixed team azzurri.

TONIOLI ARRIVA FINO AI QUARTI – Sfuma ai quarti di finale la possibilità di Marcella Tonioli di arrivare fino alla fine. La compoundista azzura è comunque l’italiana che fa più strada negli scontri individuali battendo 149-145 la danese Erika Damsbo, 146-139 la croata Amanda Mlinaric. A sbarrarle la strada è la messicana Linda Ochoa-Anderson, prima nel tabellone dopo la qualifica, e vincente 144-143 nello scontro diretto.
I sedicesimi di finale si rivelano ostacolo insormontabile per cinque dei sei azzurri impegnati nella quarta tappa di Hyundai World Cup a Berlino.
Nell’arco olimpico maschile Mauro Nespoli si arrende 6-4 all’austriaco Andreas Gstoettner al termine di una gara molto combattuta conclusa solamente al quinto set. Sconfitta pesante ma contro una delle arciere più forti al mondo per Lucilla Boari. La tedesca Lisa Unruh, argento individuale a Rio 2016, si rivela ostacolo insormontabile e vince il match diretto con l’azzurra 6-0.
Sfortunato nel compound Federico Pagnoni che perde contro l’ungherese Viktor Orosz allo shoot off. La gara finisce 147-147 ma alla freccia di spareggio Pagnoni centra il 9 mentre l’avversario piazza il tiro sulla X e si qualifica per gli ottavi.
Eliminazione anche per Jacopo Polidori che interrompe la sua corsa battuto 146-144 dal sudafricano Patrick Roux bravo ad accelerare nelle ultime tre volée dopo un inizio di gara contrassegnato dall’equilibrio.
Tra le donne del compound ad estromettere dalla corsa alle medaglie Irene Franchini è la dandese Tanja Jensen con il risultato finale di 143-142.

Informazioni su Samantha Lombardi 4895 Articoli

Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell’Arte del Mondo Antico e dell’Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l’Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell’Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*