Sanità, dai dati la Regione Lazio fanalino di coda nazionale

salute sanità dottori

La sanità regionale del Lazio è un malato sempre più grave al quale non vengono prestate le cure adeguate. E’ questo quanto emerge dall’ultimo Rapporto Rbm-Censis sul sistema sanitario, pubblicato alcuni giorni fa. Un quadro allarmante che, con la forza dei dati, smentisce la favola raccontata dal presidente Zingaretti sulla sanità già di per sé confutata dai cittadini che ogni giorno ci segnalano disservizi e disagi in tutto il territorio.

In particolare del Rapporto sorprendono alcune cifre sulla qualità e l’accessibilità del Sistema sanitario regionale, classificando il Lazio come ‘low performer’ (scadente) nel rapporto tra lo stato di salute della popolazione e la spesa sanitaria per cittadino, ovvero con un voto insufficiente pari a 5,60/10 e una spesa procapite di 2.599,88 euro. Insoddisfacente e ultimo posto nazionale anche il rapporto tra tempi medi di attesa per prestazione e spesa sanitaria per cittadino, in cui addirittura il Lazio è Worst perfomer (il peggiore), con un tempo medio di attesa di 82,54 giorni e spesa sanitaria procapite di 2.461,31 euro ovvero dove ‘il livello di accessibilità alle cure presenta una criticità assolutamente significativa’. Allarmante, inoltre, il dato relativo ai cittadini che hanno rinunciato alle cure. Ben 1.836.148 persone hanno dovuto rinunciare a curarsi.

Anche qui fanalino di coda rispetto alle altre regioni italiane. Un fallimento eclatante e totale che il presidente Zingaretti, dopo quasi 5 anni di governo, anche in qualità di commissario governativo per la Sanità del Lazio, non ha saputo contrastare, relegando il Lazio, mai così in basso, a fanalino di coda in questa classifica. Malgrado le fandonie che il governatore e la sua maggioranza continuano a raccontare, siamo di fronte a un’emergenza sanità della nostra regione che sta spingendo addirittura i cittadini a rinunciare a un loro diritto. Una vergogna.

E’ quanto dichiarato da  Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*