Morta per carenza di posti letto a Tor Vergata

“Un altro episodio sconcertante, nella sanità del Lazio rinnovata da Zingaretti soltanto a parole. Una donna ricoverata al policlinico di Tor Vergata, che avrebbe potuto essere salvata, ha perso la vita perché forse si perdeva tempo per trasferirla, causa la mancanza di posti letto”.

Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che chiarisce: “C’è un’indagine in corso per verificare se tutto si è svolto in modo corretto e seguiremo con attenzione le sue evoluzioni. La signora, trattata al policlinico Tor Vergata con terapia farmacologica, prima dell’inevitabile intervento operatorio, ha avuto un peggioramento per cui avrebbe dovuto essere trattata in un reparto opportunamente attrezzato.

Purtroppo non c’erano letti liberi, per cui ci chiediamo dove siano finiti tutti i nuovi posti di terapia intensiva vantati da Zingaretti nel periodo del Giubileo. Ė evidente che non c’è stato alcun incremento – insiste Maritato – ci sorprende che una struttura di eccellenza come il policlinico di Tor Vergata non sia in grado di fronteggiare un’emergenza di quel tipo e prima o poi la Regione Lazio ne dovrà rispondere”, chiosa il presidente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*