Incendio Pineta Castel Fusano, fuoco prima dell’alba

Incendio pineta castel fusano

Incendio Pineta Castel Fusano – Non si placa il fuoco all’interno della pineta, anche questa mattina all’alba una nuova colonna di fumo si è alzata dal polmone verde della città.
Ad allertare le forze dell’ordine sono stati i cittadini che hanno visto il fumo alzarsi nuovamente sul tratto che si trova su viale del circuito.
Insieme alle squadre dei vigili del fuoco anche un elicottero.

Nei giorni scorsi l’arrivo dei granatieri di Sardegna aveva fatto ben sperare dopo la richiesta di aiuto al governo della sindaca Raggi, in un intervento mirato e preciso nei confronti di chi sta distruggendo ettari di macchia mediterranea e uccidendo animali, insetti e ettari con alberi secolari distrutti.

Proprio ieri è arrivato l’ennesimo fermo, è stato arrestato il quarto piromane, un 63enne del luogo, colto in flagranza di reato mentre fuggiva dopo aver piazzato un innesco all’interno della pineta di Castel Fusano, avvolto in un volantino pubblicitario ritrovato anche all’interno della sua autovettura.

Senza dubbio la situazione è critica e come si è visto l’intervento dell’esercito non ha avuto il risultato sperato visti i due incendi che sono avvenuti dal loro arrivo. È chiaro che lodiamo lo sforzo e il lavoro che stanno facendo ormai da 20 giorni le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, la protezione civili e i volontari ma la pineta sembra essere sotto scacco e ancora non è chiaro se dietro gli incendi  ci sia un regista “più grande” oppure è solo l’opera di scriteriati che hanno preso l’incendio come sfogo personale.

Purtroppo abbiamo come l’impressione che l’arrivo dell’esercito sia solo voler mettere una toppa su una falla che ormai è troppo larga, dopo anni di incuria e di abbandono e non controllo da parte da chi doveva.
Ricordiamo che questo è solo l’ultimo degli incendi che ha colpito la pineta di Castel Fusano che ciclicamente dal 2000 in poi è stata colpita da disastri più o meno gravi.
Finito l’incendio non c’è stato un progetto che abbia realmente preso per mano la situazione di criticità in cui versava e tuttora versa, l’impossibilità a causa del poco personale di controllare 900 ettari di macchia mediterranea, di chi doveva fare in modo che la pineta di Castel Fusano non fosse utilizzata alcove dell’amore da parte di prostitute e clienti, di baraccopoli da parte dei senzatetto e di tutti coloro che la utilizzavano come discarica abusiva.

Adesso serve una cambio di passo urgente, serve intervenire con forza, bonificare, ripulire e progettare la ricostruzione, serviranno 5000 persone? I cittadini di Ostia non le chiedono, le pretendono!

 

Informazioni su Emanuele Bompadre 10689 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*