Di Maio ritorna sulle ONG

Quando iniziai a parlare del problema delle ONG avevo tutti contro. Tutti i politici dei partiti, tutti i media, tutti gli intellettuali.
Tra questi anche Roberto Saviano che mi attaccò duramente affermando che affrontavo la questione non perché ci tenessi alla legalità, ma solo a fini elettorali. Addirittura dichiarò: “A me sembra che il vero problema non siano le ong, ma il fatto che salvino vite”.

Era un’accusa gratuita e ingenerosa, ma io andai avanti con le denunce e la ricerca della verità, lo feci senza ideologie né pregiudizi e ascoltando le parole di persone come il Procuratore Zuccaro, anch’egli vittima di linciaggio mediatico. Col tempo i fatti ci hanno dato ragione e l’episodio della nave Iuventa dimostra che il problema sono proprio le ONG che non rispettano le regole.

Oggi l’accusa di Saviano si infrange contro la verità dei fatti.
Ma non mi interessa polemizzare con lui: quella di Saviano è la voce di un intellettuale ascoltata da molti e ora anche lui ha la responsabilità di ammettere che esiste un problema, che anche nel mondo delle ONG ci sono mele marce e che chi denuncia coloro che agiscono in combutta con gli scafisti non è nè un razzista, nè un cinico approfittatore per tornaconti elettorali.
Penso che saremo d’accordo sul fatto che le ONG che rispettano le regole e salvano vite umane hanno tutto il diritto di continuare a operare nel Mediterraneo e che quelle, come la Juventa, che agiscono al di fuori delle regole debbano essere sanzionate.

In Parlamento abbiamo presentato una legge a prima firma Alfonso Bonafede che prevede la presenza della polizia giudiziaria a bordo delle Ong: sarebbe bello se anche Saviano la sostenesse, dimostrando che esiste un modo per garantire che le ONG che operano legalmente possano continuare a salvare vite umane e che alle altre sia impedito di continuare a far danni. Sarebbe un bellissimo gesto e potrebbe contribuire a convincere il Pd dell’esigenza di discuterla subito. Se così non dovesse essere noi continueremo la nostra battaglia, ma da oggi è stata ristabilita un po’ di verità.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*