Latium Festival, arrivano a Cori le musiche e le danze del mondo

È ormai partito l’attesissimo “2017 LATIUM FESTIVAL – Musiche e Danze popolari del mondo per una cultura della Pace” CIOFF®, la più importante kermesse del folklore intercontinentale nel Lazio, che promuove ogni anno a Cori ed in diverse città del Lazio lo scambio e il dialogo tra i diversi popoli della Terra con l’importante sostegno del CIOFF® mondiale (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d’Arts Traditionnels. ONG Partner Ufficiale dell’UNESCO, accreditata sempre presso l’UNESCO nel Comitato per la salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, ONG presente in circa 120 Paesi in tutto il mondo).

Manifestazione turistica di primissimo piano nel panorama degli eventi estivi in regione, il Festival di Cori e del Lazio, si svolgerà come tradizione a cavallo tra i mesi di luglio ed agosto, nelle piazze principali del centro cittadino e delle città aderenti al progetto. In questa edizione 2017 si partirà mercoledì 26 luglio e si concluderà lunedì 7 agosto.

Creato dall’importante esperienza del Festival della Collina, da subito in un contesto intercontinentale, il Festival porta ogni anno in terra laziale centinaia di giovani danzerini provenienti da tutti i continenti, quali festosi messaggeri di pace e fratellanza. Si mescolano così lingue, usi, tradizioni, canti e musiche, fondendosi nei mille colori del palcoscenico e nei cuori partecipi degli spettatori.

Quest’ultimi sono chiamati a vivere l’evento in prima persona in occasione de “IL MONDO ALL’OMBRA DEL TEMPIO”, una delle manifestazioni principali del Festival a Cori, quale incontro ed esibizione dei gruppi nelle vie del centro storico e nella piazza antistante il Tempio d’Ercole, nel segno dell’amicizia e della fratellanza. Il successo che contraddistingue il LATIUM FESTIVAL – CIOFF® sta nell’esaltazione del concetto più profondo del folklore, nell’avvicinamento, nel contatto, nella simbiosi di espressioni folkloristiche di ogni Paese; nella ricerca di paralleli presso qualsiasi popolo, procedendo a dimostrare l’universalità delle primitive forme culturali umane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*