Calcio, I° Categoria, Casilina, la convinzione di Coratti e Baroni: “Possiamo fare un buon campionato”

Inizierà il prossimo 4 settembre la preparazione pre-campionato della prima squadra del Casilina che anche quest’anno militerà in Prima categoria. Il club si è separato da mister Damiano Casarola (accasatosi al Castelverde) e ha affidato la guida tecnica a un nuovo allenatore, quel Tiberio Baroni che nelle ultime due stagioni è stato sulla panchina del Pibe de Oro e che ha avuto esperienze importanti alla Borghesiana dove ha fatto molto bene in Prima categoria.

«L’impatto con la persona è stato molto positivo – dice il presidente del Casilina Umberto Coratti -, sulle qualità del tecnico ci sono pochi dubbi visto quanto ha fatto in passato. Non vogliamo fare proclami, ma sta nascendo una squadra in grado di fare un buon campionato anche se manca ancora qualche tassello per completare l’organico». Molto voglioso di cominciare la nuova avventura anche mister Baroni. «Il presidente è molto genuino e schietto, speriamo di fare bene assieme. Obiettivi? Sono un ambizioso per natura e credo che il Casilina possa stare nelle zone di vertice del campionato. Conosco bene la Prima categoria e so quali insidie può presentare, ma sono convinto che riusciremo a toglierci delle soddisfazioni».

Per quanto riguarda la squadra, c’è stato qualche cambiamento rispetto al gruppo dello scorso anno com’è normale che accada quando si verifica un cambio di allenatore. Tra i confermati ci sono comunque ragazzi di valore come D’Addio, Giorgi e Iacorossi, poi ci sarà anche qualche ritorno gradito come quello di Taglienti (che tra l’altro è stato a Borghesiana con mister Baroni) e di Mattia. In queste ore, inoltre, dovrebbe essere definito anche il rientro a via Mandanici dell’ex Cocciano e Colle di Fuori Bono, mentre è ufficiale l’arrivo del forte attaccante Lionel Bancouly dal Futbolclub. Insomma sta nascendo un Casilina molto intrigante: sta ora a mister Baroni cercare di farlo diventare qualcosa di ancor più concreto…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*