Vitalizi, il Senato boccia ‘urgenza’ chiesta da M5s. Blog Grillo: “Preparano il voltafaccia”

L’aula del Senato ha bocciato la richiesta del M5s di deliberare con la procedura d’urgenza sul ddl Vitalizi, gia’ approvato dalla Camera.

ZANDA: SENATO NON E’ PASSACARTE, DA M5S PROPAGANDA

“I senatori e le senatrice del Pd respingeranno la richiesta d’urgenza del M5s”. Lo dice in aula il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda. Zanda spiega che la discussione del ddl in aula “non potrebbe iniziare prima di settembre“, allora “perche’ presentarla ora?. Il Movimento 5 stelle continua a praticare una politica parlamentare tutta puntata sulla ricerca non di quel che è più urgente per risolvere i problemi dell’Italia, quanto su quel che può servirgli per battere la gran cassa della propaganda. Questa è la principale ragione per la quale il gruppo del Pd respingerà la richiesta di urgenza. Con la richiesta di urgenza i senatori del Movimento 5 stelle vogliono apparire all’opinione pubblica italiana come i campioni dell’antipolitica, dell’antipartitismo, come i rappresentanti dell’antisistema”.

Il M5s, prosegue, “che nelle piazze ha fatto del no al referendum una bandiera, ora vuole imporre una procedura che ridurrebbe il lavoro del Senato a quello di un mero passacarte”. “Il ddl sulle pensioni dei parlamentari farà in Senato il suo corso regolare, rigoroso, senza nessun trucco”, dice ancora. Zanda si rivolge quindi ai 5 Stelle: “Mettiamoci ben d’accordo sui principi e sui modi che dovranno regolare la nostra discussione sulle pensioni dei parlamentari, cominciando proprio dal fatto che dobbiamo cessare di chiamare vitalizi quel che dal 2012 è stato trasformato dal Parlamento in un regolare sistema pensionistico contributivo. Le senatrici e i senatori del Pd vogliono esaminare con rispetto e attenzione un provvedimento così rilevante che ci arriva dalla Camera a nostra prima firma e certo non dai 5 stelle. Il Senato non deve dilungare inutilmente la discussione e non lo farà, ma non deve troncarla artificialmente. Vogliamo esaminare anche questo provvedimento con lo scrupolo necessario, studiandone il contenuto e gli effetti, valutandone l’impatto sul sistema parlamentare e i risvolti di costituzionalità, che non sono certamente aspetti secondari e che la Commissione dovrà valutare con la necessaria attenzione.

Fonte: agenzia dire
.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9848 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*