Roma, difficoltà per le carte d’identità elettronica: crollo del 50%

carta identità elettronica cerveteri

Richiedere o rinnovare la carta d’identità in versione elettronica a Roma è diventato praticamente come vincere una lotteria. Da mesi si susseguono le lamentele di centinaia di cittadini che stanno riscontrando tempi biblici per accedere a questo servizio, il cosiddetto TuPassi, disponibile presso tutti i quindici Municipi della Capitale per le prestazioni anagrafiche. In particolare sembrerebbero essere stati riscontrati rallentamenti o difficoltà di collegamento al software gestionale, l’impossibilità di revocare le carte d’identità elettroniche subito dopo l’emissione, in caso di errori; difficoltà nell’inserimento dei dati dei genitori per le carte d’identità elettroniche per minori; frequenti disallineamenti tra le banche dati e il sistema gestionale anagrafico del Comune; difficoltà a interagire con il numero verde messo a disposizione dal Ministero dell’Interno.

Una situazione che genera rallentamenti nell’emissione delle carte d’identità e, di conseguenza, gravi disagi per i cittadini appesantendo tutto il sistema dei servizi. Alcuni dati parlerebbero addirittura di un crollo delle Cie negli scorsi mesi, come nella sede dell’anagrafe di via Petroselli in I Municipio, che sarebbe passata in poco tempo da 815 unità a 416, addirittura registrando un calo di oltre il 50% nella somma tra le carte d’identità elettroniche e quelle cartacee, passando da 1179 a 543 unità nello stesso arco temporale. Una discesa verticale che sarebbe imputabile anche al disallineamento esistente tra i direttori dei Municipi, ognuno dei quali sembra reputare necessaria una tempistica differente per l’espletamento delle pratiche di rinnovo delle carte d’identità elettroniche. Così, mentre un municipio reputa necessario un quarto d’ora per ogni pratica, un altro invece ritiene necessaria un’ora per il disbrigo delle richieste. Servirebbe, dunque, una procedura standard e uniforme per ogni municipio. Allo stesso tempo, malgrado quanto annunciato a fine maggio dall’assessorato a Roma Semplice, lo stop alla prenotazione multipla non sembra aver prodotto i risultati sperati. E anche il Ministero dell’Interno, che fornisce le macchine Cie, deve fare la sua parte aumentando la dotazione dei macchinari per riportare a standard accettabili un servizio di fatto negato ai cittadini.

E’ quanto dichiarano Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Francesco Figliomeni, consigliere comunale di Roma entrambi di Fratelli d’Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*