Audi Cup, Sarri: “per un’ora abbiamo messo sotto l’Atletico Madrid”

Abbiamo messo sotto per un’ora una squadra che ha giocato due finali di Champions negli ultimi anni“. Maurizio Sarri coglie l’aspetto più positivo e pregnante della sfida del Napoli contro l’Atletico all’esordio della Audi Cup.

Si parte dalla fine, ovvero dal brutto fallo di Godin su Ounas:

Innanzitutto speriamo che l’infortunio sia meno grave di quello che sembra. Il  ragazzo ha dolore, vediamo domani le analisi cosa diranno. Certamente ci si poteva risparmiare un intervento di questo tipo in un torneo amichevole, ma queste sono squadre che sono abituate a giocare su un certo livello di agonismo. E’ anche giusto che ci sia stata una una partita vera, però su una entrata così dura non sono d’accordo in questo contesto. Speriamo che domani Ounas stia meglio, un infortunio  in questo momento della stagione sarebbe pesante”.

Poi l’analisi del match:

Abbiamo bisogno di giocare contro squadre di questa caratura. Per 60 minuti abbiamo messo sotto l’Atletico, un avversario che negli ultimi anni ha fatto due finali di Champions ed ottenuto risultati di prestigio. La squadra ha fatto molto bene, peccato non essere riusciti ad alzare il ritmo anche per colpa del caldo”.

“Ribadisco che sono molto contento di questa prima ora, sia per il palleggio che per l’atteggiamento. Forse potevamo essere ancora più incisivi davanti, ma va ricordato che in fase di non possesso forse l’Atletico è la squadra più forte in circolazione. L’appunto che ho da fare ai miei ragazzi è che mi aspettavo un maggiore impatto alla partita tra quelli che sono entrati nella ripresa“.

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9866 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*