Riduzione pedaggi moto: una vittoria al 33%…..

Sul fronte della riduzione del costo dei pedaggi per i motociclisti qualcosa comincia a muoversi. E’ notizia di queste ore che l’associazione delle concessionarie autostradali ha accolto la proposta del Mistero dei Trasporti di applicare una tariffa dedicata a moto e scooter, pari ad uno sconto del 33% sul normale costo del pedaggio. Si potrà, però, godere di questa agevolazione solo attraverso l’attivazione di un Telepass abbinato in esclusiva alla targa della o delle moto.

 

A mio parere, però, è ancora presto per parlare di vittoria e di risultato storico. Lo scrivente centauro già nel 2014, quando era delegato provinciale a Napoli della FMI, attraverso articoli ed incontri istituzionali ha cercato di sensibilizzare in merito, inutilmente, la società Tangenziale di Napoli ed il gestore del tratto Napoli-Salerno.

Oggi, grazie soprattutto alla collaborazione tra la Federazione Motociclistica Italiana e la rivista Motociclismo, si è arrivati ad una svolta, seppur piccola.

 

Piccola sia perché le moto occupano molto meno spazio di un’auto (di solito meno della metà, quindi perché limitare lo sconto solo ad 1/3?) sia perché l’agevolazione è subordinata all’attivazione di un Telepass, che si suppone abbia dei costi di gestione (perché, poi, discriminare chi non possiede un Telepass?).

 

Ecco perché questa vittoria ha, secondo me, il sapore di un successo a metà, anzi di 1/3, in quanto si poteva e si può fare di più. Certo c’è già un importante riconoscimento ed è stato fatto un passo in avanti, ma si potrà cantare davvero vittoria solo quando finalmente i motociclisti, tutti senza o con Telepass, avranno riconosciuti il diritto ad un pedaggio proporzionato agli ingombri ed ai pesi del proprio veicolo. Non troviamo la scusa che occorre riconoscere la tipologia di veicolo che transita; è vero come è vero che oggi, attraverso le telecamere installate, è possibile scoprire se il veicolo transitante sia assicurato e revisionato? Quindi……

 

Nel frattempo un bravo va a quanti hanno permesso questa prima affermazione; al tempo stesso costoro vanno spronati a continuare nel loro percorso, magari anche nella sensibilizzazione dei gestori delle autostrade a rendere i guard-rail a misura di motociclista. Ma questa è un’altra storia…..

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9896 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*