FTSE MIB: la svolta

Il FTSE MIB, acronimo di Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa, è il principale indice di riferimento per il mercato azionario italiano, operativo dal 2009 in seguito alla fusione di Borsa Italiana e del London Stock Exchange, che raccoglie al proprio interno l’80% circa della capitalizzazione di mercato di società italiane.

Nel febbraio 2016, i titoli dei quotidiani scrivevano: “FTSE MIB: peggiore indice mondiale nel 2016, dietro solo ad Atene”. Dopo un 2015 dove il FTSE MIB ha sovraperformato il mercato europeo, e ottenuto la terza miglior performance a livello mondiale dietro ad Argentina e Russia, nei primi mesi nel 2016, l’indice ha bruciato gli utili generati nei due anni precedenti, tornando ai livello di inizio 2013. Ora di metà anno il FTSE MIB aveva perso quasi 1/3 del proprio valore, trascinato per lo più dalla performance estremamente negativa dai bancari, con i loro crediti non performanti, oltre alle preoccupazioni per la ripresa dell’Italia e le incertezze politiche. Dal minimo toccato il 27/6/2016 attorno a 15100 punti, il titolo ha iniziato una lenta e graduale ripresa nei mesi successivi, che ha visto l’indice oscillare tra il minimo di giugno e quasi 17500, fino a fine novembre quando è giunta la svolta. Da allora l’indice ha visto un trend rialzista che l’ha portato da attorno 16500 a fine novembre a un massimo di 21787 punti a metà maggio.

Il rally non è stato privo di movimenti laterali e storni fisiologici, ma dopo aver toccato il minimo di fine giugno 2016, nell’ultimo anno l’indice ha conseguito un rialzo superiore al 30%, e da inizio 2017 l’indice guadagna oltre l’11%.

Alla base di tale rialzo sta sicuramente una risoluzione dei problemi che hanno afflitto le banche venete e MPS, e dati incoraggianti che vedono solidi risultati dal fronte del PIL e della crescita della produzione industriale. Tuttavia permangono diversi rischi di ribasso, tra cui gli strascichi della crisi finanziaria e dei debiti sovrani, che vedono una disoccupazione tra le peggiori in Europa (11,3% in Italia secondo gli ultimi dati contro una media dell’area euro del 9,3%) e una disoccupazione giovanile ancora in aumento (37% contro una media dell’area euro del 18,9%, Ue-28 al 16,9% e ben lontana dal 6,7% della Germania), oltre a diverse incertezze di natura politica, che dovrebbero aumentare con l’avvicinarsi delle elezioni del 2018, dove il partito anti-europeista del Movimento 5 Stelle potrebbe ancora ottenere la maggioranza e spingere l’Italia fuori dalla UE o dall’Eurozona. Tuttavia, i mercati sembrano essere positivi al momento e sembrano approfittare del fatto che l’Italia è attualmente il quinto mercato a maggior sconto al mondo secondo lo studio della società Star Capital su 40 paesi esaminati, e la performance di Milano supera anche roccaforti della ripresa europea come Parigi e Francoforte, segno della fiducia dei trader e degli investitori nell’Italia.

Cosa ci riserverà il futuro? Il FTSE MIB di Milano continuerà la propria corsa o stornerà i notevoli guadagni maturati nell’ultimo tempo? Facendo trading con i CFD sugli indici di borsa puoi approfittare sia di mercati rialzisti che di mercati ribassisti.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10693 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*