Gay rifiutati in casa vacanze, Cathy LaTorre: “Atto discriminatorio illegale”

«Negli ultimi tempi assistiamo a un’escalation di inaccettabili ed illegali discriminazioni: case in affitto ma “no agli stranieri”. Albergatori, ristoratori, strutture ricettive che affermano espressamente di non accettare: gay, lesbiche, trans, stranieri. Tutto ciò è illecito e non ammesso dalla legge».  Lo afferma Sinistra Italiana con la responsabile nazionale diritti civili Cathy La Torre, esponente Lgbt e fondatrice di Gay Lex.

La regola – prosegue l’esponente della sinistra – per cui, nel nostro ristorante, nel nostro albergo possiamo scegliere chi far entrare e chi no, non supera i principi di eguaglianza e di parità di trattamento previsti dalla normativa europea. I Decreti Legislativi 215 e 216 del 2003 riguardano la parità di trattamento fra le persone indipendentemente dall’origine etnica, dalla provenienza, dalla religione, dalle convinzioni personali, dalle disabilità, dall’età e dall’orientamento sessuale. Il principio di parità di trattamento stabilisce che nessuno può essere trattato meno favorevolmente di altri in ragione della sua origine etnica, provenienza, religione, delle sue convinzioni personali, disabilità, età o orientamento sessuale.

Questo principio si applica all’accesso al lavoro, all’assistenza sanitaria; alle prestazioni sociali; all’istruzione;all’accesso a beni e servizi, incluso l’alloggio. Chi è vittima di una discriminazione in base ai fattori su elencati – insiste SI – può e deve rivolgersi alla magistratura e chiederne la rimozione oltre al risarcimento del danno.  Ma oltre ai rimedi previsti dalla Legge, nelle nostre mani esistono altri potenti strumenti per lottare contro le discriminazioni.
Ieri in Calabria due ragazzi sono stati costretti a cancellare una prenotazione perché una struttura ricettiva non accetta “gay e animali”, abbiamo perciò lanciato – conclude LaTorre – una petizione online invitando a boicottare questa Casa Vacanza , in attesa che qualcuno segnali l’episodio all’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni .

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9866 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*