Calcio estivo: il Barcellona, con doppietta di Neymar, batte la Juventus

La prima partita della stagione, si sa, non può dare indicazioni troppo attendibili, ma se si gioca in uno stadio mastodontico e magnifico come il Metlife, se in campo ci sono stelle di prima grandezza e se le squadre, nonostante il clima amichevole, non lesinano impegno, ecco che lo spettacolo può essere comunque più che apprezzabile.

Juve-Barcellona in effetti divertono gli oltre 82.000 spettatori: i blaugrana soprattutto nel primo tempo e soprattutto con Neymar, match winner davvero incontenibile. La Juve nella ripresa, grazie alle giocate di Dybala che non bastano a riacciuffare il risultato, ma servono ad accorciare le distanze e a deliziare il pubblico.

La Joya, Higuain, Alex Sandro e Cuadrado, dopo essersi allenati a Boston hanno raggiunto i compagni solo da poche ore e quindi Allegri non li manda in campo dall’inizio, piazzando Mandzukic al centro dell’attacco e lanciando Bentancur dal primo minuto, al fianco di Lemina e Sturaro, per dare supporto a croato. Valverde invece, per il suo esordio sulla panchina del Barça presenta due terzi del trio delle meraviglie, tenendo il panchina solo Suarez.

NEYMAR SCATENATO

È proprio la velocità di Messi e Neymar a creare le maggiori difficoltà ai bianconeri e dopo un’incursione di Vidal dalla destra che costringe Buffon al primo intervento, la triangolazione tra i due assi al quarto d’ora, manda in rete il brasiliano. Peccato, perché proprio pochi secondi prima Mandzukic, pescato in area da Sturaro, aveva messo a lato di testa da ottima posizione.

Neymar è scatenato e dieci minuti dopo si ripete, ricevendo in area e saltando in orizzontale tutti e quattro i difensori bianconeri, prima di spedire il raddoppio alle spalle di Buffon. Con le gambe ancora imballate dagli allenamenti, si dovrebbe far girare il pallone, esercizio in cui però i blaugrana sono maestri e a meno di cinque minuti dal riposo, ancora una combinazione tra Neymar e Messi manda in porta il brasiliano, ma questa volta Buffon riesce a chiudere lo specchio della porta e, poco dopo, ad alzare sopra la traversa una velenosa punizione dell’argentino.

Nella ripresa inizia il valzer dei cambi, con l’esordio di Szczensy e De Sciglio. Il Barcellona è completamente rivoluzionato, ma pur perdendo un po’ di qualità rispetto al primo tempo, con l’ingresso di Luis Suarez acquista in potenza e al 10′ l’uruguaiano costringe prima Szczesny a respingere la sua conclusione ravvicinata, poi cerca l’assist a centro area, ma non trova compagni liberi.

Per l’ultima mezz’ora Allegri cambia cinque uomini, regalando minuti ai reduci da Boston e a Douglas Costa, pure lui alla prima in bianconero. Gli effetti delle sostituzioni si vedono subito: dopo aver regalato un tunnel a metà campo, Dybala piazza un sinistro che Vermaelen riesce a mettere in angolo, quindi dalla bandierina pennella per la testa di Chiellini che accorcia le distanze e fissa il risultato finale.

Vince il Barcellona, ma alla fine, gli applausi del Metlife sono per entrambe le squadre

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*