Volley Estate, un’altra chicca: da sabato si potrà provare la “mitica” sparapalloni dei professionisti

Il progetto sportivo Volley Estate ha “partorito” un’altra vera e propria chicca. Da sabato all’ora di pranzo, nella consueta location del Lido Bellavista di Nettuno dove si sono svolti e si svolgeranno tutti gli eventi organizzati dall’associazione dei responsabili Davide Garzi e Riccardo Storti, sbarcherà la “mitica” macchina sparapalloni che è ormai diventata uno strumento di lavoro immancabile tra i club professionistici e che per questo ha aumentato a dismisura la sua “fama” anche tra i dilettanti.

Da sabato, tutti gli appassionati di volley di qualsiasi età e sesso potranno cimentarsi in maniera totalmente gratuita e libera con la macchina sparapalloni: un’occasione probabilmente unica per tanti appassionati e atleti della pallavolo dilettante, un piccolo grande sfizio che sarà possibile togliersi grazie all’iniziativa studiata da Volley Estate. La macchina sparapalloni è ormai ritenuto uno strumento tecnico fondamentale nelle sessioni di allenamento dei più importanti club italiani e stranieri: il dispositivo è capace di regolazioni ampie sul piano verticale (elevazione di tiro) e sul piano orizzontale (spostamento laterale di tiro), ma anche di dare al pallone effetti float e spin (rotazione) come nel gioco reale. Inoltre riesce a simulare il palleggio in ogni punto del campo, sia in avanti che all’indietro, con la sola rotazione della testa di tiro, ha una elevata precisione di tiro e riesce a sparare i palloni ad oltre cento chilometri orari.

«Invitiamo davvero tutti gli appassionati a contattarci tramite un messaggio whatsapp al numero 3807871799 per chiedere tutte le informazioni del caso e recarsi da sabato al Lido Bellavista di Nettuno per effettuare una prova con questo fantastico strumento che già utilizziamo nelle società sportive dell’Anzio, del Nettuno e dell’Onda volley» rimarcano Garzi e Storti. La macchina sparapalloni è pronta a “fare fuoco”, gli amanti del volley sono invitati a sfidarla.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*