Mafia Capitale, Assotutela prepara un esposto in procura per il bando CUP

“Continuano i silenzi della Regione Lazio. Ieri si sono avute le sentenze di primo grado sulla vicenda di Mafia Capitale e i giudici della decima sezione penale del Tribunale di Roma hanno fatto decadere per gli imputati l’aggravante mafiosa. Alla luce di queste sentenze, sempre ieri, avevamo chiesto al governatore del Lazio, se la mafia non esiste, per quale ragione dunque, tempo, fa fu revocato dalla Regione Lazio il bando cup per fare spazio a una altra gara ambigua e contestata?

Già all’epoca, era il luglio di due anni fa, Assotutela avanzò forti dubbi sulla nuova gara, che rischia oggi di non garantire i livelli occupazionali dei circa duemila lavoratori impiegati nel servizio: lavoratori ai quali esprimiamo vicinanza e che difenderemo in tutte le sedi possibili. Per questa ragione, considerati i reiterati silenzi del presidente Nicola Zingaretti, la nostra associazione ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica al fine di conoscere e approfondire le oscure motivazioni che hanno condotto la Regione Lazio alla revoca della vecchia gara Cup e, a seguire, alla predisposizione di un nuovo bando”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Maritato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*