L’accordo interistituzionale per la bonifica e la rigenerazione urbana di Bagnoli Coroglio discusso in commissione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le commissioni Politiche urbane, Ambiente e Infrastrutture presiedute da Eleonora De Majo, Marco Gaudini e Nino Simeone hanno incontrato gli assessori Del Giudice e Piscopo e i rappresentanti della Decima Municipalità per approfondire i dettagli dell’intesa del 19 luglio scorso tra Governo, Regione Campania e Comune di Napoli in vista della seduta monotematica del prossimo 24 luglio

Un atto che arriva al termine di una lunga serie di azioni messe in campo dall’Amministrazione a tutela del suo ruolo di protagonista dei processi di recupero, programmazione e trasformazione del territorio urbano. L’assessore alle Politiche urbane Carmine Piscopo ha riepilogato così la fase che ha preceduto l’accordo del 19 luglio, arrivato dopo che, a partire da febbraio di quest’anno, il Comune ha presentato in Prefettura tutta la programmazione su Bagnoli a partire dal 1998. Prima ancora, ad aprile 2016, vi era stata la condivisione nella cabina di regia, senza la presenza del Comune, del piano su Bagnoli. Due date che segnano, quindi, una differenza fondamentale, sia rispetto ai contenuti degli atti che al riconoscimento del ruolo del Comune. L’assessore ha quindi riepilogato i contenuti principali dell’accordo: spiaggia pubblica, bonifiche, rimozione della colmata, valorizzazione del panorama costiero e ricostruzione della morfologia naturale della costa, liberazione del waterfront, recupero delle opere pubbliche già costruite (Porta del Parco, Parco dello Sport e Turtle Point), reintroduzione del principio della valorizzazione dei suoli, attuazione dell’ordinanza chi inquina paga, recupero archeologia industriale, recupero del borgo di Coroglio, reinsediamento di Città della Scienza e del Circolo Ilva, porto turistico. Non si tratta di un progetto esecutivo, ha chiarito Piscopo, un compito che spetta ai tavoli tecnici e alle conferenze di servizi.
L’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice, sull’aspetto delle bonifiche, ha chiarito che l’Amministrazione ha richiesto un risanamento su tutte le aree non appena saranno pronte le risultanze delle caratterizzazioni. Saranno queste, quindi, a far decidere in modo definitivo le destinazioni d’uso. Entro quest’anno, secondo il crono programma, saranno disponibili i risultati, mentre per la bonifica dovrà attendersi il 2022. Per gli interventi di bonifica, il Comune ha chiesto che vengano applicate le migliori tecnologie disponibili, per una somma ricompresa tra 270 e 300 milioni di euro, disponibili non appena sarà pronta la delibera Cipe, presumibilmente ad agosto.
I consiglieri intervenuti hanno rilevato: l’accordo è criticabile nel metodo, perché di fatto ratifica la modalità di esproprio del ruolo del Consiglio comunale e della rappresentanza democratica che era stato criticato con forza in occasione della nomina del commissario straordinario. L’accordo non è stato condiviso con le commissioni, con il Consiglio e nemmeno con le Municipalità, e per questo, al di là del suo contenuto, non può essere condiviso (Lebro, La Città); oggi si ha la certezza solo delle bonifiche, occorre quindi attendere i progetti esecutivi per una discussione nel merito (Lanzotti, Forza Italia); ai prossimi tavoli tecnici va assicurata una rappresentanza dei comitati che vanno coinvolti in tutte le decisioni (Andreozzi, Dema); vanno approfonditi gli aspetti delle risorse per la rigenerazione urbana, della garanzia di una spiaggia pubblica effettivamente utilizzabile anche in presenza del porto turistico e la condivisione più ampia possibile di un documento in Consiglio che riconosca i termini dell’accordo (Coppeto, Napoli in Comune a Sinistra).
Su questi rilievi, e sulle osservazioni dei presidenti De Majo, che ritornando sull’importanza del metodo, ha chiesto quali siano le garanzie di tenuta delle linee programmatiche sottoscritte rispetto a future rappresentanze di Governo, Regione e Comune, e Gaudini, che ha chiesto che i presidenti delle commissioni competenti siano inseriti in modo permanente nelle conferenze di servizi, gli assessori Piscopo e Del Giudice hanno ribadito che le risorse sono garantite per l’area che ricade all’interno del Sito di Interesse Nazionale, mentre su tutti i dettagli tecnici dovranno pronunciarsi i tavoli che elaboreranno i progetti esecutivi.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9880 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*