Certificato di stabilità obbligatorio dal 2018  

La tragedia di Torre Annunziata di inizio mese è ancora troppo fresca per poter essere messa nel dimenticatoio con facilità: 8 vittime, tra le quali due bambini, per una casa che crolla come fosse un castello di carte da gioco.

Alle emozioni di cordoglio e sdegno suscitate dalle immagini mostrate dai media nazionali, si aggiungono quelle che nascono spontanee nel leggere le statistiche ufficiali: più di due milioni sono le abitazioni del nostro Bel Paese considerate fatiscenti, conseguenza di una ricostruzione superficiale e forse troppo celere operata nel dopoguerra e di una sostanziale inefficienza dei Piani Regolatori Urbanistici messi in campo dalle varie Amministrazioni che si sono avvicendate nel corso dei decenni.

Arriva così la proposta del Ministro delle Infrastrutture che rilancia una nuova versione di una questione che è stata sul tavolo dei vari Governi, ovvero quella di dotare le abitazioni di un Libretto del Fabbricato, che certifichi il reale stato dell’immobile sotto il profilo strutturale.

Il Ministro delle Infrastrutture l’ha chiamato Certificato di Stabilità e, pare, abbia intenzione di introdurlo nella nuova Finanziaria di fine anno e di renderlo obbligatorio dal 2018 nel caso di compravendita immobiliare.

Fermiamo un attimo lo sdegno e la preoccupazioni che i potenziali costi conseguenti a tale introduzione normativa possano essere troppo onerosi. È lo stesso ministro a offrirci una chiave di lettura diversa e, in effetti, anche vantaggiosa.

Grazie al sisma bonus, infatti, l’agevolazione introdotta con la Legge di Bilancio del 2017, è possibile ottenere dal 50% all’85% di detrazioni fiscali, a seconda del tipo di intervento operato, se si effettuano opere di ristrutturazione e/o risanamento volte alla riduzione del rischio sismico.

Riassumiamo. Se si approfitta del momento economico particolarmente favorevole per la richiesta di mutui, ce ne sono di molto convenienti a tassi particolarmente bassi, come ad esempio i mutui CheBanca, e si ristruttura il proprio immobile in un’ottica di risanamento sismico, si potrà poi ottenere un’alta percentuale di detrazione fiscale.

Se a ciò si aggiunge che l’Italia tutta è di fatto sismica, si comprende come si possa prefigurare un’occasione non indifferente per i proprietari di immobili che necessitano di opere di ristrutturazione, da configurarsi in un’ottica di adeguamento sismico.

È anche vero che affinché l’occasione possa essere colta dai cittadini bisogna auspicare una sostanziale e profonda trasformazione culturale degli stessi, ancora troppo ancorati al contingente e al profitto personale.

Gli eventuali risultati? In primis un patrimonio architettonico nazionale di maggior qualità e più sicuro, con tragedie come quelle di Torre Annunziata che smettono di essere fatti di cronaca e rimangono episodi di una storia che ci siamo messi finalmente alle spalle, ma anche un incremento del valore degli immobili oggetto di ristrutturazione, che tornano a essere un investimento su cui fare affidamento negli anni.

The last but not the least, il trovarsi già pronti nel caso in cui quella che oggi è una proposta di un ministro del Governo attuale dovesse tradursi in emendamento e il Certificato di Stabilità dovesse davvero diventare obbligatorio dall’anno prossimo.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Informazioni su Emanuele Bompadre 10686 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*