Roma, referendum Atac, Alfonsi: “Speriamo in un segnale forte del partito romano”

Sciopero dei mezzi Roma, il 27 ottobre venerdì di passione

“Il referendum promosso dai radicali per la messa a gara nel 2018 del servizio di trasporto pubblico a Roma è una iniziativa forte, che ha avuto il merito di aprire la discussione su uno dei temi centrali per la qualità della vita dei cittadini romani, e come merita di essere sostenuto da tutte le forze politiche che hanno a cuore il futuro di questa città”.

Lo dichiara Sabrina Alfonsi, la Presidente del Municipio Roma I Centro, in una nota stampa.

 “Già nella fase di confronto in preparazione del congresso romano, sono stata tra quelli che avevano detto che  il partito romano avrebbe dovuto schierarsi apertamente a favore di questa giusta battaglia, uscendo dall’ambiguità di posizioni di comodo. Da anni la cattiva gestione di ATAC drena risorse importanti – che potrebbero essere meglio utilizzate per la città – mentre la qualità del servizio è precipitata a livelli di inefficienza drammatici, soprattutto negli ultimi tempi. E’ interesse degli stessi lavoratori, che con un’azienda solida e con la clausola di salvaguardia verrebbero tutelati di più e meglio che mantenendo in vita artificiosamente una azienda tecnicamente già fallita.

Se è vero che il PD ha l’ambizione di tornare a governare Roma, deve avere il coraggio di aprire una discussione franca sulle riforme strutturali di cui la capitale ha bisogno, e questa è una di quelle più urgenti. Deve farlo per la città, e anche per mettere in evidenza le contraddizioni di chi – come la Sindaca e la maggioranza 5 Stelle che siede in Campidoglio – in campagna elettorale ha sventolato la bandiera della necessità del cambiamento, mentre ora che governa difende lo status quo.

Sono convinta che il PD debba scendere in campo a sostegno dell’iniziativa dei radicali. Io stessa mi sono messa a disposizione già dalla scorsa settimana per l’autentica delle firme, e sono contenta che Roberto Giachetti abbia deciso di firmare. Ora ci aspettiamo che il PD di Roma, accogliendo l’’invito del Segretario nazionale a discuterne, dia un segnale di sostegno pieno all’iniziativa, anche perché il termine del 12 agosto si sta avvicinando e ci sono ancora migliaia di firme da raccogliere”.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*