Fiumicino, rischio alluvione, che fine hanno fatto i fondi per le idrovore?

Il vincolo sui terreni edificabili è un argomento su cui tutti sembrano voler metterci la mano ma che alla fine nessuno prende realmente per risolvere. Senza entrare nei tecnicismi e iniziare a enunciare, sigle, enti e istituzione i fatti sono semplificabili  concentrando l’attenzione su un determinato argomento: terreni che prima erano agricoli poi passati edificabili ma che in realtà non ci si può costruire.

È questo a grandi linee il focus dell’annosa vicenda. Il problema alla base di tutto sono i vincoli idrogeologici che il decreto 58 ha imposto su ampie zone dell’Isola Sacra, ma lo snodo di tutto, che ha di fatto trasformato la vicenda, è il pagamento delle tasse sui terreni bloccati. Un terreno agricolo ha dei costi, quello edificabile degli altri, pagamenti di tasse per un appezzamenti che non generano profitto, con il risultato che ormai sono diversi i proprietari che sono in default.

In prima linea su questa battaglia, c’è il Comitato Spontaneo Isola Sacra, ricorderete la manifestazione in cui si sono incatenati alla sede del comune, dove si chiedevano delle azioni importanti da parte dell’amministrazione proprio sulla questione economica.

Delle azioni che sono fattibili visto che già in altre regioni con lo stesso problema sono state decurtate le tasse mantenendo fino allo sblocco la “dicitura” agricola sui terreni fermi,  un passo importante che da un po’ di respiro dal punto di vista finanziario per evitare che chi ha delle proprietà non sia costretto a svenderle per poter pagare le tasse.

Tutto questo anche sulla base del ricorso che il comune di Fiumicino ha fatto e che è stato discusso dal tribunale il 28 giugno.

Dal giorno successivo i cittadini coinvolti hanno chiesto spiegazioni all’assessore Di Genesio Pagliuca e che ad oggi pare non abbia ancora dato una risposta precisa su quanto sia successo il 28.

Da parte sua,  il Comitato Spontaneo Isola Sacra tramite l’avvocato che li sta seguendo è riuscito ad ottenere l’accesso agli atti in Regione Lazio il prossimo 18 luglio per capire dove siano finiti i fondi destinati al potenziamento delle idrovore, circa 3 milioni,  e che sarebbe già un important passo verso la messa in sicurezza.

Un’azione seguita anche da una lettera al presidente della Regione Nicola Zingaretti e all’assessore Refrigeri per sollecitare lo sblocco (è possibile visionarla e leggerla qui.)

Anche il M5Stelle Fiumicino ha chiesto di sapere tramite la consigliera Velli che ha presentato una nuova mozione da discutere al prossimo Consiglio Comunale, anche in base alla richiesta ai fondi europei  che il gruppo del Movimento 5 Stelle romano ha fatto per il X° Municipio.

Ad aumentare l’inquietudine e l’amarezza dei cittadini è arrivata anche la notizia della vittoria del comune di Fiumicino al bando regionale per la valorizzazione delle aree archeologiche, in particolare i porti di Claudio e Traiano, che sicuramente porteranno benefici all’asse turistico della zona ma che crea e  aumenta già un forte astio da parte dei proprietari di terreni che in questo momento non si sentono tutelati e che continuano a stare in difficoltà finanziaria  grazie ad una posizione marginale delle istituzioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*