Triplicano le famiglie in povertà assoluta. Serve una alternativa che metta al centro le persone

Nel 2016 si stima siano 1 milione e 619mila le famiglie residenti in condizione di povertà assoluta, nelle quali vivono 4 milioni e 742mila individui.

Rispetto al 2015 si rileva una sostanziale stabilità della povertà assoluta in termini sia di famiglie sia di individui. L’incidenza di povertà assoluta per le famiglie è pari al 6,3%, in linea con i valori stimati negli ultimi quattro anni. Per gli individui, l’incidenza di povertà assoluta si porta al 7,9% con una variazione statisticamente non significativa rispetto al 2015 (quando era 7,6%).

Nel 2016 l’incidenza della povertà assoluta sale al 26,8% dal 18,3% del 2015 tra le famiglie con tre o più figli minori, coinvolgendo nell’ultimo anno 137mila 771 famiglie e 814mila 402 individui; aumenta anche fra i minori, da 10,9% a 12,5% (1 milione e 292mila nel 2016). L’incidenza della povertà assoluta aumenta al Centro in termini sia di famiglie (5,9% da 4,2% del 2015) sia di individui (7,3% da 5,6%), a causa soprattutto del peggioramento registrato nei comuni fino a 50mila abitanti al di fuori delle aree metropolitane (6,4% da 3,3% dell’anno precedente).

Anche la povertà relativa risulta stabile rispetto al 2015. Nel 2016 riguarda il 10,6% delle famiglie residenti (10,4% nel 2015), per un totale di 2 milioni 734mila, e 8 milioni 465mila individui, il 14,0% dei residenti (13,7% l’anno precedente). Analogamente a quanto registrato per la povertà assoluta, nel 2016 la povertà relativa è più diffusa tra le famiglie con 4 componenti (17,1%) o 5 componenti e più (30,9%)

La povertà relativa colpisce di più le famiglie giovani: raggiunge il 14,6% se la persona di riferimento è un under35 mentre scende al 7,9% nel caso di un ultra sessantaquattrenne. L’incidenza di povertà relativa si mantiene elevata per gli operai e assimilati (18,7%) e per le famiglie con persona di riferimento in cerca di occupazione (31,0%).

«Nonostante gli 80 euro, i bonus e le altre elemosine di Renzi la povertà assoluta non è calata. E i dati Istat di oggi sulla povertà in Italia sono la dimostrazione del fallimento delle politiche economiche del governo e dell’austerità imposta dalla Ue. E ci dicono inoltre che colpiscono tutti: giovani, donne, famiglie. Una situazione non più sopportabile che necessità di interventi radicali».
Lo afferma Giulio Marcon, capogruppo di Sinistra Italiana-Possibile a Montecitorio.

«Il cieco rigore delle politiche europee attente solo alla quadratura dei conti pubblici e non alle persone, prosegue l’esponente della Sinistra, e l’incapacità dei governi stanno portando il nostro paese nel vicolo cieco della disuguaglianza e della precarizzazione progressiva. Politica dei redditi, investimenti nelle politiche attive del lavoro e nella politica industriale, abolizione del Fiscal Compact sono ricette che proponiamo da anni senza essere ascoltati. Di fronte a queste politiche fallimentari su economia e lavoro e’ necessario costruire una alternativa che metta al centro la vita delle persone, il lavoro, il reddito e la giustizia sociale», conclude Marcon.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9866 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*