Napoletani di… versi di e con Roberto Giordano al Teatro in Archivio il 15 luglio

Continua la rassegna Teatro in Archivio con il secondo spettacolo ospitato nel monumentale cortile di Palazzo Ricca (via Tribunali 214), sede dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, dove sabato 15 luglio alle ore 21.00 andrà in scena Napoletani… di versi di e con Roberto Giordano, lavoro teatrale in cui la storia della lingua diviene il mezzo attraverso cui si narrano le vicende di un popolo e la storia di una città. Andando oltre gli stereotipi e l’oleografia, Roberto Giordano ricostruisce un ritratto complesso, dove le immagini si sovrappongono, attraverso il mutamento storico della lingua, carico anche di quei mutamenti sociali e culturali, di cui Napoli, città multiforme e stratificata si è fatta custode nel corso dei secoli.

Riconosciuto dall’Unesco, il napoletano è un’antica lingua romanza, che ha permesso il racconto di vicende legate a una fetta importante della popolazione italiana. Lo spettacolo unisce recitazione, musica, poesia e un’inedita lezione di antropologia. Nel desiderio di recuperare una lingua ormai scomparsa nelle pieghe dei mutamenti linguistici, l’interprete volerà tra le parole poetiche di Libero Bovio, Viviani, Di Giacomo, De Filippo, ossia di quegli autori che hanno lasciato un’eredità culturale, sedimemtata come tesoro inestimabile nelle loro opere in lingua napoletana. “La lingua ‑ spiega Giordano ‑ è il mezzo attraverso il quale si narrano le esperienze vissute, è lo strumento che permette di raccontare le vicende di un popolo, di una città. Un lavoro per riflettere e per non dimenticare le proprie radici fatte di cultura, poesia, musica e suggestioni…”

Per partecipare all’evento è necessaria la prenotazione ai numeri 339 7020849 o 333 3152415. Il costo del biglietto è di 12 euro. Un’ora prima dello spettacolo, con lo stesso biglietto, è possibile effettuare la visita al Museo multimediale Kaleidos, allestito da Stefano Gargiulo – Kaos Produzioni, presso l’Archivio Storico del Banco di Napoli.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*