Castle VEGetarian Festival è il primo festival italiano dedicato al buon vivere, agli amanti del benessere

Il conto alla rovescia è già partito: nella splendida location della Cittadella di Sarzana, tutto è pronto per la terza edizione del Castle VEGetarian Festival. Il 28, 29 e 30 luglio la località ligure tornerà ad ospitare l’evento dedicato agli amanti del benessere, della salute, della musica e dell’arte. Per tre giorni consecutivi, dalle 16 fino a tarda notte, i visitatori potranno curiosare fra i banchi di oltre 100 stand, in un percorso di conoscenza e degustazione della cucina vegetariana e di scoperta dei prodotti della cosmetica biologici e dei trattamenti realizzati dagli operatori olistici; ci sarà spazio anche per una ricca proposta di street food con tante proposte particolari e originali e per il “letto armonico”, che grande successo ha registrato lo scorso anno.

Ospite d’eccezione della serata di inaugurazione sarà Simone Salvini, uno dei pionieri dell’alta cucina vegetariana e vegana, amico e collaboratore di Pietro Leeman e Umberto Veronesi e rappresentante dell’alta cucina italiana in televisione e all’estero; Salvini metterà in scena uno showcoking sui generis, dove gli spettatori saranno invitati a scegliere gli ingredienti “a sorpresa” e passarli allo chef che dovrà inventare piatti sul momento e sfoderare al massimo la sua creatività; e sarà proprio la Scuola di Cucina dello Chef Salvini, nel corso della manifestazione, a seguire i sei showcooking in programma.

Per chi vuole tenersi sempre informato, ogni giorno saranno organizzate conferenze a tema che coinvolgeranno autorevoli relatori come Michela De Petris, Andrea Petrangeli, Francesca Andreazzoli, Vegan Chronicles e tanti altri.

Ci saranno poi diversi momenti dedicati alla presentazione di libri, “In Frutta Veritas” di Aida Vittoria Eltanin, “Cucinare secondo natura” di Lorenzo Locatelli, “Piggasus e il pianeta VegAMO” di Marilù Mengoni, “Sei tutto ciò che cerchi” di Francesco Pirani e “La Semplicità in Cucina” di Marinella Mazzola.

Ma il Castle VEGetarian Festival non sarà solo occasione di dibattito, buona cucina e cultura. Ogni giornata sarà rallegrata da artisti, danze (dalla tribale alla Bollywood, fino alla orientale e alla fusion) e musicisti di ogni genere, che si esibiranno sul palco e per le vie del Castello, come gli amatissimi “In Vino Veritas” (sabato 29) e “Municipale Balcanica” (domenica 30); workshop e laboratori gratuiti per grandi e piccini, corsi di danze orientali, musicoterapia, riequilibrio energetico, gli Open Days della realizzati dalla scuola di naturopatia “Ippocrate” e tanti altri imperdibili eventi, completeranno i tre giorni di festa.

Il tutto all’interno di un contesto dal fascino unico, la Cittadella – nota anche come Fortezza Firmafede – il più importante edificio della cinta muraria Sarzanese; un luogo ricco di storia che fu eretto nel 1249 dai Pisani, distrutta nel 1487 dai Fiorentini sotto Lorenzo De’ Medici durante la “Guerra di Serrezzana” e ricostruita immediatamente dagli stessi Fiorentini: il Magnifico affidò il lavoro ad architetti che seguirono i canoni dei trattati d’architettura militare del tempo, con il corredo dei fossati, dei rivellini e dei ponti levatoi. Al suo interno è stato realizzato il Museo delle Fortezze, che propone un percorso interattivo ed emozionale che si snoda attraverso 27 sale fino a toccare i sotterranei: lo spazio racconta storia e caratteristiche della Lunigiana attraverso le sue fortezze, gli usi e i costumi inserendoli nel loro contesto storico e abitativo.

Per chi volesse trascorrere qualche ora in più da queste parti, meritano una visita anche la fortezza di Sarzanello, la chiesa di Sant’Andrea, il palazzo Vescovile e la Cattedrale di Santa Maria Assunta, nata sui resti della pieve di San Basilio; nei dintorni spiccano il borgo di Falcinello, gli scavi archeologici di Luni e Marinella di Sarzana.

 

(Visited 11 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*