Inaugurata la Casa di Leda all’EUR, quattro detenute in una villa da sei milioni di euro

INAUGURATA LA CASA DI LEDA ALL’EUR – Nei giorni scorsi, a parte un comunicato stampa del gruppo PD che rivendicava la paternità del progetto, l’inaugurazione della Casa di Leda, progetto per il ricongiungimento dei minori con le detenute del carcere di Rebibbia, è passato leggermente sotto tono.

Una differenza sostanziale se si calcola che oggi sulle maggiori testate nazionali ci sia in grande stile il “report” del pomeriggio di ieri a cui hanno partecipato la sindaca Virginia Raggi e il Ministro Orlando nella villa da sei milioni di euro sequestrata  all’Eur in via Kenia.

Chiaramente ancora una volta i cittadini sono stati esclusi da questa attività accorgendosene solamente alla vista dei poliziotti che hanno transennato l’entrata di via Algeria per evitare magari qualche protesta spontanea, dopo che anche il comitato di quartiere ha più volte tentato un approccio civile per capire le modalità del progetto stesso finanziato da Poste Italiane Onlus per circa 150mila euro l’anno.

Diversi i punti che ci lasciano perplessi in primis dall’interdizione della “divisa” delle forze dell’ordine per non traumatizzare i minori (quindi un funzionario in divisa mette paura?) come ci ha confermato un addetto ai lavori, all’impossibilità dei colleghi di Cinquequotidiano a cui non hanno permesso di entrare all’inaugurazione, a differenza di altri forse più “blasonati” e non per ultimo alla dichiarazione del ministro Orlando che ha di fatto definito “razzisti e classisti” i residenti che hanno sin da subito protestato per la poca chiarezza del progetto stesso.

Ribadiamo che la nostra posizione è il voler analizzare l’iter di questa assegnazione che è cominciata all’epoca del Sindaco Marino e non contro il progetto che riteniamo meritevole e che debba essere replicato in tutte le città che ne abbiano la possibilità, la volontà e il giusto approccio verso i cittadini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*