Ostia, ancora polemiche tra PD e M5S dopo l’intervento in spiaggia di CasaPound

Ormai è bufera su quanto è accaduto nei giorni scorsi sul litorale ostiense dove i militanti di CasaPound hanno invitato ad allontanarsi dalla spiaggia diversi venditori ambulanti abusivi che oltre a vendere cianfrusaglie di ogni genere contraffatte, proponevano anche cibo e bevande. Un’azione che è poi stata replicata dalla polizia locale sequestrando diversi articoli non conformi e alimenti conservati sotto al sole in grave stato di conservazione.

Un azione quella di CasaPound che ha scatenato tutte le forze politiche non solo locali ma anche nazionali, con il PD che ha da subito associato l’azione CasaPound-Vigili come una “join venture” tra il movimento di destra e il M5S, con il capogruppo Paolo Ferrara al Campidoglio che ha rilasciato una dichiarazione sottolineando la distanza.

In relazione a certe dichiarazioni rilasciate alla stampa dal consigliere piddino Marco Palumbo, – dichiara Ferrara – tengo a sottolineare come l’amministrazione capitolina M5S non abbia mai strizzato improbabili occhiolini a politiche di estrema destra; in riferimento in particolare al blitz di Casapound contro i venditori ambulanti abusivi sulle spiagge di Ostia, faccio gentilmente presente a Palumbo e a tutti i democrat che noi non degniamo Casapound della benché minima risposta in quanto la consideriamo una realtà del tutto residuale e di pochi facinorosi, condannando altresì ogni loro manifestazione di violenza quando organizzano ronde di cittadini a caccia dello straniero indigente sotto il sole.

La migliore risposta in tal senso è stata quella del prefetto Vulpiani – Continua il capogruppo M5S al Campidoglio – denuncia alle forze dell’ordine per violenza privata e manifestazione non autorizzata, e per quanto concerne la lotta agli abusivi – non mi stancherò mai di ripeterlo – deve pensarci la polizia municipale, magari anche su segnalazione dei cittadini. Segnalazione che però non deve mai sfociare in atto puro e deliberato di violenza fascista, come quello della ronda anti-immigrato, per il quale questi energumeni dovranno rispondere davanti alla legge. Per quanto riguarda Casapound quindi, da sempre deboli con i forti e forti con i deboli e i poveracci, massimo biasimo da parte nostra; per quanto riguarda il Pd, invece, farebbe bene a risparmiare fiato e a non rendersi ridicolo con strumentalizzazioni basse e insulse”.

Una dichiarazione a cui arriva una precisa e netta replica di Luca Marsella, responsabile CasaPound del X° Municipio, rilasciata a noi de Il Tabloid: “Siamo noi a rimarcare la distanza e a non strizzare occhiolini a chi dormiva in Municipio mentre il Pd faceva affari con le cooperative di Mafia Capitale causando il commissariamento che da due anni ha paralizzato il nostro territorio – sottolinea  Marsella, candidato presidente di CasaPound al X Municipio – “Ferrara, dopo la Raggi  esegue gli ordini del Pd che aveva chiesto a gran voce una presa di posizione del M5S contro CasaPound dimostrando ancora una volta che anche i grillini fanno parte di quel sistema marcio che sta devastando il nostro Municipio e che noi ci candidiamo per combattere”.

In un clima già caldo possiamo dire che ufficialmente ha inizio la campagna elettorale nel X° Municipio, una campagna in cui si prevedono scintille da tutti gli schieramenti e che, speriamo, non sia fatta solo di “additamenti” ma di politica sul territorio reale e che riesca a far riemergere le bellezze e le attrattive che un posto come Ostia ha da secoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*