Mondiali di parapendio task 6, annullata la sesta tappa

L’unico fronte temporalesco formatosi a NordEst ha deciso di mettersi sulla via del Mondiale, obbligando il direttore della sicurezza e di gara a decretare lo stop appena cinque minuti prima della convalida della task di giornata.

Ancora una volta un fenomeno formatosi all’improvviso è velocemente degenerato in pioggia, tanto da non consentire nemmeno di passare l’ora e cinque di volo richiesta dal regolamento per considerare valida la manche e consentire quindi ai piloti di accumulare il punteggio derivato dai chilometri percorsi: lo stop è scattato dopo 1 ora di volo. Per soli 5 minuti quindi la prova è stata da considerare nulla.

Un fenomeno assolutamente inatteso, tanto più che le condizioni di volo si sono presentate particolarmente buone all’inizio: i piloti sono riusciti a fare quota facilmente e, grazie ad un esteso fronte diaria calda, a mantenere con altrettanta facilità la quota.

Partenza alle 12.50 sopra Rubbio (VI), i piloti si posizionano sulla linea di start divisi in due gruppi, uno più a nord e uno più a sud, tagliano la linea del via in direzione Piovene di Rocchette dove si trova la prima boa da aggirare. Le condizioni favorevoli fanno sì che le due traiettorie si ricongiungano presto formando un gruppo compatto. Con l’avanzare della distanza il gruppo comincia a distribuirsi: velocissimo davanti a tutti lo sloveno Dusan Oroz, 500mt dietro di lui il gruppo di inseguimento di testa dove ci sono tutti i favoriti (tra qui anche la nostra Nazionale al completo). Poi alle 12.50 quando tutto sembra procedere per il meglio lo stop improvviso: la formazione temporalesca, che da subito si tramuta in pioggia, non lascia scelta al direttore di gara.

I piloti hanno quindi invertito la rotta e fatto rientro per atterrare a Borso Del Grappa, dove le navette di recupero erano pronte per riportarli al quartier generale del Boscherai.

“Abbiamo anticipato l’orario di decollo, perché le condizioni per volare erano ottime. I piloti infatti sono partiti velocissimi – spiega Maurizio Bottegal – e non hanno avuto difficoltà a fare e mantenere quota. Purtroppo mentre tutto sembrava procedere per il meglio dal direttore della sicurezza Gianpiero Di Brina, mi è arrivata la comunicazione che in zona Larivi stava piovendo. A quel punto, non ho potuto aspettare nemmeno un minuto in più a dare lo stop, i piloti stavano andando velocissimi per cui c’era il rischio concreto che si infilassero in una zona pericolosa per il vento. Peccato per quei 5 minuti che ci rendono la task nulla. Di contro voglio segnalare il lavoro di squadra perfetto tra direttore di gara (Maurizio Bottegal), direttore della sicurezza, Giampiero di Brina e direttore dei decolli, Franco Canal, che ci ha consentito anche oggi di chiudere tutto in perfetta sicurezza.”

La manche non è valida perché i piloti non hanno volato almeno 1 ora e 5 minuti, come richiede il regolamento.
Le classifiche restano quindi invariate rispetto a quanto comunicato ieri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*