Italia, è l’anno dei viaggi pet friendly

Negli ultimi anni è aumentata in maniera notevole la quota di italiani che organizzano il proprio viaggio prendendo in considerazione destinazioni in cui anche i propri animali domestici siano bene accettati: è il successo della formula “pet friendly”, che sta conquistando anche il nostro Paese.

Animali domestici, che passione! Secondo dati ufficiali, in più della metà delle famiglie del Belpaese è presente almeno un cane o un gatto, e più in generale lungo tutto lo Stivale si contano addirittura 60 milioni di animali da compagnia (un dato vicino a quello degli abitanti a due zampe!), tra cui 1,3 milioni di rettili e 1,8 milioni di piccoli mammiferi. Inevitabile, dunque, che anche le vacanze e il turismo siano “contagiati” da questa dinamica.

Il boom del turismo pet friendly

E difatti, seppur in ritardo rispetto ai trend del resto del mondo, mai come in questa estate si sta parlando con sempre più insistenza di viaggi “pet friendly“, ovvero verso destinazioni turistiche in grado di rendere quanto più possibile piacevole la permanenza anche a cani, gatti e altri animali domestici.

Si parla di hotel a misura di quattro zampe e strutture fornite di spiagge private sui cui far divertire il proprio fedele amico, ma anche della necessità di studiare soluzioni di trasporto dog e cat-friendly.

Addio cartello “io non posso entrare”

In pochi anni l’Italia ha messo la freccia e oggi la sua attenzione agli animali domestici sul fronte turistico supera la media europea: come rivela l’ultimo rapporto dell’Associazione nazionale delle imprese per l’alimentazione e la cura degli animali, la metà di alberghi nel nostro Paese può essere considerata pet-friendly, contro una media europea del 40% e una mondiale del 37%.

Insomma, il vecchio cartello “io non posso entrare” con il volto triste di un cane o un gatto sembra un brutto ricordo, visto che più della metà degli alberghi “normali” si dicono pronti ad accogliere turisti con animali di compagnia.

Le assicurazioni per viaggiare sicuri

Accanto a questo, si sta sviluppando sempre più anche la necessità di fornirsi in via preventiva di strumenti assicurativi che aiutano a superare le eventuali difficoltà che possono insorgere durante la vacanza, con una serie di misure studiate proprio per tutelare anche gli amici a quattro zampe, che sono sempre più una parte importante di famiglia.

Un trend in crescita, che va di pari passo alla richiesta degli italiani di sottoscrivere assicurazioni per viaggiare sicuri, che oggi trova un importante alleato in Internet, grazie ai servizi offerti da Polizza Viaggio, uno dei più affidabili portali a livello nazionale.

Coperture per due e quattro zampe

E così, se le polizze travel in genere “coprono” gli inconvenienti che possono capitare alle persone, ecco che si è reso necessario creare delle specifiche “assicurazioni a quattro zampe“, che innanzitutto servono a rassicurare i proprietari sugli eventuali piccoli disastri che il cane e il gatto possono causare alla struttura ricettiva (anche in casi in cui l’animale non è momentaneamente affidato a un’altra persona), ma anche e soprattutto a tutelare gli stessi animali sul fronte della salute e delle cure, oltre che a garantire la giusta assistenza in caso di controversie.

Tre tipologie di tutela

In parole povere, si tratta di assicurazioni che di norma prevedono tutela sanitariatutela per i danni arrecati a terzi (anche da parte dei propri animali domestici) e tutela legale. Un’altra tendenza orientata a chi ha adottato un amico a quattro zampe è l’estensione della polizza Rc Auto per proteggere anche gli animali, che costa pochi euro e consente di avvantaggiarsi di una garanzia aggiuntiva quando si viaggia in automobile.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*