Ostia Comune? Marsella: “Non sarebbe un disastro solo se sindaco fosse di CasaPound”

La priorità del nostro Municipio oggi è assolutamente quella di tornare al voto. Siamo commissariati da due anni per colpa di una politica marcia che ha portato all’attuale situazione, con il territorio paralizzato e distrutto. A farne le spese sono come al solito residenti e famiglie che non arrivano a fine mese ma anche commercianti e imprenditori”. Lo scrive sulla sua pagina Luca Marsella, candidato di CasaPound alla presidenza del X Municipio. “Quello che deve cambiare innanzitutto è chi ci  rappresenta – continua Marsella – se avessimo eletto Tassone (ex presidente del Municipio arrestato per Mafia Capitale) a sindaco di Ostia Comune le conseguenze sarebbero state ancora più devastanti. Un sindaco del M5S sarebbe una tragedia. Al contrario dare la carica di sindaco e più poteri ad un presidente di Municipio di CasaPound sarebbe assolutamente una svolta: ogni singolo euro sarebbe speso per il bene del territorio, di Ostia e dei quartieri dell’entroterra che altrimenti rischierebbero soltanto di diventare la periferia della periferia. Detto questo, oggi bisogna pretendere le elezioni e bisogna andare a votare con coraggio mandando in quelle stanze persone che finalmente abbiano le palle di impedire ed estirpare il malaffare. Solo quando in aula saranno seduti dei consiglieri di CasaPound si potrà affrontare il discorso, dare più poteri ai farabutti che ci hanno governato fino ad oggi – conclude Marsella – sarebbe una follia”.

(Visited 26 times, 2 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*