Istat, disoccupazione giovani aumenta al 37%. Dati preoccupanti

Cresce a maggio il tasso di disoccupazione giovanile, che sale al 37% con un incremento di 1,8 punti da aprile. Lo comunica l’Istat. Rispetto ad aprile ci sono 25 mila 15-24enni in piu’ in cerca di occupazione.

A maggio 2017 l’Istat stima 51 mila occupati in meno rispetto ad aprile e 141 mila in più rispetto a maggio 2016. E’ il primo calo congiunturale dopo 8 mesi. Risultano in aumento da aprile solo gli occupati ultracinquantenni e i dipendenti con contratti a termine.

Il tasso di occupazione si attesta al 57,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali. Rispetto a maggio 2016, la crescita degli occupati, che coinvolge uomini e donne, riguarda i lavoratori dipendenti (+313 mila, di cui +199 mila a termine e +114 mila permanenti), mentre calano gli indipendenti (-172 mila). A crescere sono gli occupati ultracinquantenni (+407 mila) a fronte di un calo nelle altre classi di età. Nello stesso periodo diminuiscono i disoccupati (-1,8%, -55 mila) e gli inattivi (-0,9%, -129 mila). Su base mensile, la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a maggio rimane invariata, sintesi di un calo tra gli uomini e un aumento tra le donne. L’inattività risulta in calo tra i 25-34enni, in crescita tra gli ultracinquantenni mentre rimane stabile nelle restanti classi di età. Il tasso di inattività è pari al 34,8%, invariato rispetto ad aprile.

«Il tasso di disoccupazione torna ai livelli di fine 2012 dopo aver toccato il 13% a novembre 2014», spiegano dall’Istat. Dopo il calo registrato ad aprile, la stima delle persone in cerca di occupazione a maggio cresce dell’1,5% (+44 mila). L’aumento interessa i soli uomini ed è distribuito tra tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni.

«Ancora una volta,- commenta Stefano Fassina parlamentare di SI e responsabile economia e lavoro – sulle prospettive dell’occupazione in Italia, le reazioni del governo sono preoccupanti quanto i dati. I dati, in particolare l’impennata dei contratti a tempo determinato e la concentrazione dell’aumento degli occupati tra gli ultra cinquantenni, continuano a contraddire radicalmente gli onerosissimi obiettivi del Jobs Act. Le reazioni del Ministro Poletti dimostrano la rimozione del fallimento dell’azzeramento dei contributi sociali disposto nel 2014 per il triennio successivo e costato circa 20 miliardi di euro. Caro Ministro, per la buona occupazione sono necessari investimenti pubblici in piccoli cantieri, anche in deroga al Fiscal Compact, non riproporre la decontribuzione per i giovani».

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10133 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*