Intervista ad Erika Marconi (Sette personaggi in cerca d’attrice…)

Volevo chiederle la sua formazione come attrice.
Mi sono formata in un’Accademia di cinema e teatro a Roma.Mi sono preparata con coach privati con i quali ho fatto un lungo lavoro di interpretazione dei personaggi : continuo a studiare alternando lo studio al lavoro, continuando a sperimentare, perché la crescita è lunga ancora.
E non finisce mai per un attore.
No,mai.
Esordio nel cinema ?
Dopo l’Accademia ho avuto la grande opportunità  di lavorare nel film “Girotondo” di Tonino Abballe. Successivamente mi sono cimentata in piccoli ruoli e voglio continuare -dopo questo film da protagonista-non disdegnando tutto ciò che arriva.
Lei ha fatto la modella , qual è la differenza tra il mondo della moda e quello del cinema?
Ho iniziato a lavorare nel mondo della moda, soprattutto della fotografia. Da piccolina amavo questo mondo ma poi crescendo mi sono resa conto che avevo bisogno di qualcosa di nuovo. La fotografia mi comunicava delle forti emozioni ma volevo cambiare, volevo qualcosa di più.
Questi personaggi nel film “Girotondo” : che significa avere tanti personaggi da interpretare?
Noi abbiamo voluto rappresentare le varie esistenze in sette donne diverse: vari temi sociali , tutte le problematiche che la donna si trova ad affrontare e gestire.
Da cosa è partita per interpretare i sette personaggi del film?
Non è stato semplice… è stato un lungo lavoro, che mi ha regalato tantissime emozioni e mi sono messa alla prova. Sono sempre stata attratta da ruoli impegnati importanti e preferisco interpretare ruoli e personaggi difficili…non so se il pubblico sentirà quanto sto dando ma preferisco comunicare qualcosa di importante, rispetto a quello che significherebbe interpretare personaggi più “semplici” come quelli, ad esempio ,di una commedia.
La sequenza del film della violenza carnale  che il suo personaggio subisce in strada…
Quella sequenza come altre sono state trattate , per scelta registica,con molto “tatto”. Sono favorevole a non sottolineare dei comportamenti che alla fine rischiano di diventare emulativi .E’ giusto secondo me rispettare la sensibilità dello spettatore tanto quanto quella dell’attrice.
Come è arrivata a questo film? Era il suo primo provino?
No, non era il mio primo provino .Inizialmente avrei dovuto interpretare uno dei sette personaggi femminili: la donna che va ad abortire. Poi la sera stessa, il regista Abballe mi ha contattata e mi ha proposto di interpretare tre personaggi invece che uno. Successivamente il regista ha trovato in me una versatilità tale che lo ha spinto ad affidare a me quasi tutti i ruoli femminili: sei personaggi.
Quindi non sei personaggi in cerca d’autore, ma sei personaggi in cerca d’attrice?
Non solo: alla fine ho ottenuto anche il settimo personaggio, Erika, la donna che ha una compagna.
Il personaggio di Erika passa da una fantomatica storia d’amore con una donna ad una storia di letto.E’ stato secondo lei un passaggio troppo veloce o fa parte anche questo di una scelta?
E’ stata una scelta voler lasciare un finale aperto… perché poi Erika poi festeggerà con le amiche dicendo che è in attesa di un bambino. Resta il dubbio di chi sia questo bambino se della donna che non va più ad abortire oppure di Erika che tradisce la sua compagna con l’amico-amante Tonino.
Una donna che vuole fare l’attrice oggi…
Beh una donna si deve aspettare di tutto e di più : io sono stata la prima che ha dovuto credere in se stessa perché non ha mai avuto il sostegno, per esempio, dei miei genitori.Ho contato solo sulle mie forze.
Gli altri lavori cinematografici?
Ho lavorato in piccoli ruoli e per la società di produzione televisiva e cinematografica Tao Due. Ora mi concentro sul futuro :sto organizzando le riprese della mia opera prima, una coregia con Tonino Abballe .
Un aneddoto sul set?
Un giorno durante le riprese – stavamo girando in una stanza di albergo-avevo l’influenza,la febbre altissima, stavo male : in pausa pranzo non mangiavo -a differenza degli altri- dormivo. Finito il pranzo mi svegliavano e allestivano la scena per girare nuovamente, non è stato facile.
Allora auspichiamo un’ottima carriera per il futuro.
Grazie, gentilissima.

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 267 Articoli

Laureata in Lettere presso il Dipartimento di “Italianistica e Spettacolo “della Università “La Sapienza di Roma”.
Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell’ Essere Umano.
Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*