Perdenti , non vincenti e quasi vincitori

Le ultime elezioni amministrative offrono diversi spunti di analisi politica, ma anche di costume. Il dato che ha caratterizzato i ballottaggi è la bassa affluenza ai seggi, ulteriormente diminuita rispetto alla prima tornata elettorale. Nei comuni capoluoghi in cui si è votato l’astensionismo è stato maggiore determinando situazioni limite quale quella di Trapani in cui non è stato eletto, per insufficienza di voti, l’unico candidato, aprendo così la strada al commissariamento.

Cresce quindi il partito del non voto e con esso la preoccupazione per il funzionamento delle istituzioni locali, chiamate a dare risposte a problemi che paiono gravare troppo sulle spalle dei cittadini. Qualcuno ha visto nell’astensionismo anche un richiamo all’attenzione rivolto ai partiti: molti, che sembrano elettori disaffezionati, sono cittadini che hanno cognizione dei problemi, ma faticano a trovare ascolto. Domina la scena un nervosismo generale che accomuna perdenti e vincitori e per la prima volta sono scesi in campo addirittura i terapeuti impegnati ad occuparsi dello stress dei maturandi che si sono sentiti in dovere di dare consigli pure ai leader  politici raccomandando loro la sobrietà, in particolare se i risultati non sono stati all’altezza delle aspettative e suggerendo di evitare soprattutto atteggiamenti paranoici o crisi isteriche.

Per adesso appaiono inascoltati, ma il segnale è lanciato. Quanto durerà l’analisi del voto? Dipenderà dal tempo che ci vorrà a trovare uno che si dichiari perdente, cosa diversa dal dichiararsi “non vincente” o “quasi vincitore”, categorie al limite della fantascienza e che pure sono state riscontrate. Si risponderà che basta controllare i numeri, ma i numeri si possono aggregare, scorporare, incrociare e alla fine si arrendono pure loro: fate quello che volete di noi  siamo qua…

All’estero inoltre è prassi che il perdente telefoni al vincitore per augurargli buon lavoro, mentre da noi non sempre è possibile vista la difficoltà a trovare chi ha perso davvero. Arriva però il momento della verità, di solito quando si vanno a quantificare i problemi e serve risolverli, a quel punto il perdente può sostenere che l’ onere tocca al vincitore insidiato a sua volta da chi pensa di aver vinto di più e reclama almeno un aggettivo che gli dia soddisfazione. Sono dinamiche antichissime e rappresentano il sale della politica, tanto che sui muri delle città romane sono state trovate iscrizioni in materia. In alcune si avanzavano dubbi sul vincitore delle votazioni, in altre il nome era stato sostituito con quello del candidato preferito senza perdere tempo . Gli Italiani aspetteranno che perdenti, non vincenti, quasi vincitori e vincitori effettivi trovino una collocazione perchè hanno una nutrita lista di questioni da sottoporgli.  Non si scappa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*