Calcio, Virtus Divino Amore, il club: “Qui solo chi ha voglia di fare. Sulla struttura vorremmo collaborazione”

E’ iniziata l’estate, ma non è ancora tempo di andare in vacanza per la Virtus Divino Amore. La società della presidentessa Giorgia Bizzaglia e del vice presidente Gianluca Massimi sta iniziando a preparare la stagione che verrà e in vista della stessa i massimi vertici societari lanciano un paio di messaggi molto importanti e altrettanto chiari. «Il primo è rivolto alle persone che faranno parte del nuovo staff – dicono in coro la Bizzaglia e Massimi – Noi togliamo tempo alle nostre famiglie per assicurare una costante presenza al campo, investiamo notevoli risorse e sforzi per far sì che la macchina organizzativa della Virtus Divino Amore funzioni al meglio. E chiediamo a tutti quelli che faranno parte di questa avventura di avere una concezione simile della maniera di lavorare, una volta accettato di far parte del progetto. Se qualcuno non pensa di essere nelle condizioni di collaborare in questo modo, la porta è sempre aperta e si troveranno altre soluzioni. Non pensiamo di voler fare chissà cosa, ma pretendiamo solo massimo impegno nel portare avanti i vari ruoli previsti dall’organigramma. Insomma chi starà nella Virtus Divino Amore nella prossima stagione dovrà sposarne la causa fino in fondo». L’altro punto estremamente delicato, che fa parte di un discorso di programmazione a più ampio raggio, riguarda l’impianto di gioco. «Il Millevoi è in gestione alla Virtus Divino Amore, ma la proprietà dovrebbe ascoltare di più le nostre esigenze. Nel corso del tempo abbiamo provveduto alla manutenzione ordinaria dell’impianto e lo abbiamo arricchito, come per esempio con la riapertura e la ristrutturazione del bar, completamente a nostre spese. Ma il Millevoi avrebbe bisogno di corposi interventi, dal manto di gioco alle tribune, dagli spogliatoi ai locali elettrici e idrici e alla pulizia degli spazi: il tutto per garantire una maggiore fruibilità ai tanti ragazzi che lo frequentano e per accrescerne il valore sociale. Per questo vorremmo chiedere con forza alla proprietà una maggiore collaborazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*