Grottaferrata, elezioni, il dado è tratto? Speriamo…

3223 Cittadini hanno scelto il nuovo Sindaco di Grottaferrata. E questa scelta, piaccia o meno, va accettata e rispettata: è la regola della democrazia. Certo, pensare che il futuro di Grottaferrata sia stato deciso da poco più del 19% degli elettori rispetto ai 16260 aventi diritto, e vedere che appena 6066 Cittadini si sono recati a votare per il ballottaggio (il 37,30 %), induce a molte riflessioni.

Poiché sulla disaffezione dalla politica è stato detto di tutto, salvo fare la cosa più elementare, ossia riconquistare la fiducia del Cittadino con i fatti, appare superfluo dilungarsi sull’argomento.

Sincere congratulazioni a Luciano Andreotti per l’obiettivo raggiunto e, come già fatto telefonicamente, l’augurio per un proficuo lavoro al servizio di Grottaferrata. Mi aspettavo una sua ferma presa di distanza dalle scomposte cadute di stile, profuse durante la campagna elettorale per il ballottaggio e anche ad avvenuta elezione.

Veleni e rancori, a fatica celati nel primo turno (dove ipocritamente si inneggiava al clima idilliaco della campagna elettorale, facendo passare sotto silenzio alcune discutibili scelte della gestione commissariale), sono esplosi, virulenti, nella campagna per il ballottaggio e subito dopo il voto.

Insulti e falsità di ogni genere, anche e soprattutto contro la mia persona, sono stati diffusi allo scopo di condizionare l’elettorato. I detrattori di professione hanno messo in atto una squallida campagna diffamatoria rispetto alla quale, ribadisco, attendevo l’intervento di Andreotti o, quantomeno, una sua presa di distanza. Ma tant’è…

Ho votato sia l’11 che il 25 giugno, come ho sempre fatto dalla maggiore età, ritenendo il voto un diritto-dovere. Nell’intervista in cui analizzavo il voto del primo turno ed esprimevo valutazioni sul ballottaggio, ho espresso alcune considerazioni basate esclusivamente su programmi e coalizioni a confronto. Che al ballottaggio erano due (perché così prevede la legge), entrambe espressione di un’area di centrosinistra. E l’alternativa era votare uno dei due candidati Sindaco oppure disertare l’urna.

Evidentemente il mio voler essere libero di scegliere ed esprimere opinioni, principi fondamentali del civile e democratico convivere, ad alcuni supporter del neo-Sindaco non è andato giù ed è partita l’ignobile macchina del fango culminata con un vergognoso volantino “anonimo” distribuito porta a porta e, sembra, addirittura in alcuni seggi domenica scorsa. Ritengo che Andreotti potesse vincere, come ha vinto, anche senza queste bassezze.

Ad ogni modo Grottaferrata ha un nuovo Sindaco a cui spetta l’onore, e l’onere, di amministrare. Personalmente auspico che Andreotti non sia condizionato dagli autori dei miseri attacchi personali e, soprattutto, che tenga a debita distanza chi vuole “mettere il cappello” sulla vittoria, come traspare dai proclami trionfanti di ambienti estranei alla Nostra amata Città.

Buon lavoro Sindaco. Auguri Grottaferrata!

Giampiero Fontana

(Visited 7 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*