MotoGp, Assen 2017: la pagella del Dicos

VALENTINO ROSSI 10: In una pista che lo ha visto quasi sempre protagonista, il dottore, nella veste di vecchia volpe in quel di Assen, ritorna al successo. Il dolce sapore della vittoria gli mancava da un anno ed arriva al termine di una gara bella e tirata. Riesce a spuntarla, a mio avviso, grazie ad un mix di esperienza, astuzia, talento e moto performante. Zittisce, per il momento, chi lo dava per bollito. Ridona, al tempo stesso, voce a chi è restato per troppo tempo in silenzio (l’urlatore non fa testo). Le affermazioni diventano, così, 10 in terra olandese, 89 nella top class e 115 in generale. Nota stonata l’inutile polemica con Zarco (quanti piloti sono finiti nel suo libro nero?), poiché inutile e fuori luogo. Sorprendente!

 

DESMOPETRUX 9: Per soli 63 millesimi il ternano non riesce a cogliere il primo successo in carriera nella massima serie. Perde il duello con Rossi perché, a mio parere, è caduto nel suo tranello, ossia giocarsi il tutto nelle ultime curve. Se hai un passo di oltre mezzo secondo più veloce, invece, devi passare e provare ad andare allungare, in modo da gestire il vantaggio nelle battute finali. Bello il duello coriaceo con il Dovi, meno quello con il vincitore, quando mi è sembrato un pizzico prudente. Il suo, comunque, resta un bel risultato. Peccato!

 

MARC MARQUEZ 8,5: Lo spagnolo porta a casa il massimo possibile e conquista 16 punti preziosissimi, che lo rimettono al centro della lotta per il titolo. Vince, seppur di un soffio, le sfide con il Dovi e con Crutchlow. Usa la testa e ritrova, così, il sorriso. Bravo!

 

CAL CRUTCHLOW 8: L’inglese del Team LCR quando le condizioni dell’asfalto diventano viscide ed incerte, diventa una brutta gatta da pelare. Gatta che nella cattedrale ha sfiorato il podio e chiuso davanti ad una Honda ufficiale. Difficile fare meglio. Good!

 

ANDREA DESMOGODODOVI 9: Il risultato ottenuto al traguardo vale molto più di un successo. Ad un certo punto ha lasciato intendere di avviarsi alla terza vittoria consecutiva, ma, secondo me giustamente, ha capito che bisognava capitalizzare al massimo il regalo ricevuto da Vinales, senza commettere lo stesso errore. Così la testa ha preso la supremazia sul polso e lui e la sua Ducati, oggi, guardano tutti dall’alto. Godo perché da italiano, in un momento che vede la nostra nazione sommersa, dal punto di vista civile (subito si trovano i nostri soldi per salvare le banche, ma quando si tratta di sanità, lavoro, sicurezza, strade e pensioni, hai voglia di soffrire…) di letame, avere un binomio tricolore al vertice in quello che considero lo sport più bello del mondo, beh, non ditemi niente, ‘sta cosa mi attizza tanto e mi fa sognare. Il Dovi è l’emblema di come con il cuore, la tenacia, l’impegno, la professionalità, la voglia di emergere, senza essere necessariamente sempre il migliore, è possibile dire la propria con autorevolezza e classe. Ah, quanti italiani vorrei come lui alla guida del nostro paese…..Grazie!!!!!

 

 

MAVERICK VINALES 4: Commette un errore che gli fa perdere la possibilità di un grande recupero e, soprattutto, la testa del mondiale. Rimandato!

 

JORGE LORENZO 2: Complice anche una sosta al box, è quindicesimo, dopo essere stato anche doppiato. Non solo l’amore con la rossa non è mai sbocciato, ma si inizia a scadere, sportivamente, nel ridicolo. Non è questione nè di apprendistato né di moto. Da uno con il suo palmares, senza dimenticare l’ingaggio, è lecito aspettarsi ben altri piazzamenti. Bocciato!

 

YAMAHA: Ora vale.

 

DUCATI: Vale tanto.

 

HONDA: Vale un pizzico in meno.

 

SUZUKI: Ancora non vale.

 

APRILIA: Se la decima piazza vale….

 

KTM: Vale la pena provarci.

 

Storia vera?: Un pilota che da imbattibile e vincente diventa, improvvisamente, uno che commette errori e passa facilmente dalla vittoria alla ghiaia? C’è. Un pilota che non vince da oltre un anno, che arranca e commette errori, d’improvviso diventa l’eroe dei due mondi, pronto a vincere il titolo? C’è. Un pilota che a gare alterne, domina o si stende, accende o spegne il cervello? C’è. Un pilota che nel precampionato diceva di divertirsi, poi, pronti-via, diventa un fermone, salvo diventare tremendamente veloce e costante? C’è. Un pilota 5 volte campione del mondo, in sella ad una moto competitiva e vincente con una seconda guida, che fa sognare? Non c’è. Ecco, sembra essere di fronte ad un romanzo ed invece è tutta realtà. Quattro rider racchiusi in 11 punti sono la gioia di chi organizza, vende e gestisce il prodotto MotoGp. Una realtà che dovrebbe suonare come una favola che, però, non lo so, mi stona un po’. A Napoli direbbero “’CCà nisciun è fesso!”.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9851 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*