Roma: l’azzardo cresce

Roma non solo capitale d’Italia ma anche meno orgogliosamente delle slot machine. Gli ultimi dati parlano infatti di oltre 40.000 macchine da gioco installate nella capitale soprattutto nella zona sud della città. Alcune sale da gioco hanno oramai assunto dimensioni monumentali con le strutture più grandi che sfiorano le mille slot machine presenti.

Ovviamente le slot machine sono solo un aspetto del fenomeno del gioco d’azzardo e delle scommesse, fenomeno che preoccupa per tutti quei soggetti che passano dall’uso all’abuso se non alla totale dipendenza. Ma la questione ha pure altri risvolti. La recentissima Relazione annuale della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo ha messo infatti in evidenza che purtroppo anche in questo mondo non mancano infiltrazioni della criminalità organizzata. Il procuratore Franco Roberti e la presidente della commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, hanno parlato di lucrosi investimenti nel settore.

Per tutte queste ragioni anche la politica comunale si è mossa nella ultime settimane. E’ stato infatti approvato senza nessun voto contrario (soltanto due astenuti) il Regolamento Sale da Gioco e Giochi leciti di Roma Capitale. La nuova regolamentazione prevede tra le altre cose che la sale non siano nel centro della città e lontane da scuole e centri anziani con le video lottery vietate nei giorni festivi.

Al di là di alcune polemiche sulla grande somiglianza (refusi compresi) del regolamento con quello messo in atto dal comune di Genova, sono in tanti ad aver lodato la decisione presa. Tra le voci più entusiaste ed autorevoli quella di monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma che ha parlato di “Un provvedimento importante, in cui la dignità della persona viene posta prima di ogni profitto (…)e riduce lo spazio in cui spesso opera la criminalità“.

Solitamente le critiche più frequenti a queste forme di regolamentazione, sono legate alla presenza anche massiccia delle scommesse e del gioco online anche su Internet. Anche nel mondo virtuale della rete ci sono ovviamente varie regole e limiti che gli operatori devono seguire ma di fronte alle norme messe in atto dall’amministrazione comunale, facile immaginarsi la reazione di un giovane appena maggiorenne che esclama: “Facessero quello che gli pare, tanto poi scommetti con il codice promozionale snai e passa la paura”.

Considerazione legittima ovviamente ma d’altra parte sono tanti gli studi che mettono in rilievo come la sala da gioco possa avere, in particolare su certe tipologie di utenti, un fascino ulteriore rispetto a quello che gli anglosassoni definiscono il gambling on line. La scelta delle luci, la disposizione dei tavoli e tanti altri escamotage possono rendere l’ambiente di gioco “reale”più ammaliante ed avere un effetto vorticoso di attrazione per determinati soggetti.

Poi ovviamente saranno anche i risultati pratici della messa in atto del regolamento approvato a far  comprendere a tutti, sia sostenitori che detrattori, se le misure decise avranno avuto un effetto positivo non tanto sul gioco in sé, ma soprattutto sui casi di ludopatia o più scientificamente GAP (Gioco d’Azzardo Patologico). Ovviamente la speranza di tutti è che il cambiamento positivo sia il più marcato possibile vista la dimensione del fenomeno oramai non più trascurabile da nessuno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*