Kimi e Seb si preparano a una pista “con un tracciato particolare”

Una pista ed una sfida diverse attendono i piloti della Scuderia Ferrari a Baku, la capitale dell’Azerbaijan che si affaccia al Mar Caspio. Kimi Raikkonen ha così descritto il circuito che è stato inserito sul calendario di F1 solo lo scorso anno: “La pista di Baku è diversa. Si tratta di un circuito cittadino, diverso da quello di Monaco, più vicino a quello di Singapore, con lunghi rettilinei e alcuni punti molto stretti. Lo scorso anno corremmo qui per la prima volta e non fu facile. Faceva molto caldo e la gestione delle gomme era problematica. Essendo quest’anno la seconda volta, dovrebbe essere più facile per tutti anche se le vetture, così come le gomme, sono diverse. Oggi si sta bene ma si prevedono temperature più alte nel weekend, dunque vedremo . L’anno scorso furono parecchie le squadre che, magari contro le previsioni, dimostrarono di andare forte. Forse sarà così anche questa volta, o magari no. Quanto a noi, finora siamo andati bene un po’ ovunque. Senza dubbio ci sono piste in cui si è più forti e altre in cui lo si è meno, ma in linea generale stiamo andando bene e ci aspettiamo di essere pronti alla battaglia. E’ solo questione di mettere tutto insieme e riuscire ad essere la squadra più forte”.

Anche Sebastian Vettel guarda a questo weekend: “In Canada non abbiamo fatto una gara ideale. Ma credo che abbiamo recuperato bene. Vedremo cosa accade durante questo weekend. Questo circuito è diverso ed ha un tracciato specifico. Lo scorso anno abbiamo fatto un buon lavoro a Baku e ottenuto un secondo posto. Avevamo avuto qualche difficoltà il venerdì, ma eravamo riusciti a recuperare il sabato. Adesso stiamo lavorando bene all’interno del team e credo che le cose stiano andando come devono andare”.

Fonte: ferrari.com

(Visited 4 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9851 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*