Festival “Caffeina”da venerdì 23 giugno a domenica 2 luglio 2017

Torna Caffeina e per la sua XI edizione si fa ancora più spettacolare. Resta l’impronta iniziale, quella di illuminare, vivere, divertire Viterbo e il suo quartiere medievale con una cascata di eventi. Ma se possibile, ancora di più. Tornano le piazze e le vie invase di persone, torna la musica, tornano il teatro e l’arte. La cultura che pervade ogni angolo del centro storico. Oltre 400 eventi, tanti ospiti, una vera e propria “festa di popolo”.

Piazza San Lorenzo diventata negli ultimi anni il centro nevralgico si farà palcoscenico di incontri con scrittori, giornalisti, ma anche con musicisti che si racconteranno e suoneranno. Si farà arena da circo, piazza per ballerini e coreografi, luogo dove far sfilare ogni arte performativa.

Caffeina si fa più grande, più popolare, più incisiva, più eclettica. Aumentano le location, oltre ai luoghi canonici, in cui assistere agli eventi, ce ne saranno di altri: ci si imbatterà nella cultura quasi senza accorgersene. Rassegne di cinema d’essay, teatro dei burattini per i più piccoli, concerti jazz e gipsy, artisti di strada. Caffeina esce, dunque, dai luoghi storici. “Resteranno le location tradizionali, ma cambierà il senso delle piazze e della loro fruibilità trasformandosi in palcoscenici” dicono gli organizzatori.

Sotto il cielo delle serate estive si andrà a “caccia di stelle danzanti”, tema guida di questa edizione, perché l’idea visionaria di Caffeina è che bisogna sempre guardare oltre, a caccia di stimoli culturali, nuovi, lontani, sconosciuti. E farsi travolgere, come in una lunga estate in piazza.

I PRINCIPALI OSPITI DI QUESTA EDIZIONE DI CAFFEINA:

Lirio Abbate, Luca Barbareschi, Francesca Barra, Stefano Bartezzaghi, Matteo B Bianchi, Paola Calvetti, Guido Catalano, Aldo Cazzullo, Alessandro Centolanza Band, Geppi Cucciari, Giuseppe Culicchia, Michele Dalai, Diego De Silva, Antonio Dikele DiStefano, Elio, Oscar Farinetti, Marcello Fois, Chiara Francini, Alberto Garlini, Antonella Lattanzi, Loredana Lipperini, Neri Marcorè, Michela Marzano, Gianluigi Nuzzi, Flavia Perina, Roberto Perrone, Nicola Piovani, Veronica Pivetti, Riccardo Rossi, Enrico Ruggeri, Claudio Sanfilippo, Fiamma Satta, Roberto Saviano, Raffaella Silvestri, Caterina Soffici, Street Clerks, Sufiu Tannoura Dance (Al Darawish), Giorgio Terruzzi, Cleo Toms, Woody Gipsy Band, Federico Zampaglione e molti altri

ROBERTO SAVIANO, ELIO E NICOLA PIOVANI

Apre questa edizione di Caffeina Roberto Saviano che venerdì 23 giugno presenterà “La paranza dei bambini” (Feltrinelli) attraverso un one man show fatto di parole e immagini.

Elio, per la prima volta in Italia in scena con Madamina, il catalogo e’ questo… L’opera buffa da Mozart a Offenbach sarà protagonista della serata di sabato 24 giugno in Piazza San Lorenzo. Spettacolo brillante e vivace, carrellata nel repertorio più conosciuto dell’opera buffa per soprano e baritono, vedrà Elio, nella doppia veste di narratore e baritono, dare vita a letture musicate dando voce a differenti personaggi.

Nicola Piovani, protagonista della serata conclusiva del Festival domenica 2 luglio, con La musica è pericolosa, porterà in scena un viaggio musicale in cui racconterà al pubblico i percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di personaggi quali De André, Fellini, Magni e registi internazionali, per teatro, cinema, televisione, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione e suonati da diversi strumenti.

DERVISCI, CIRCO E CAVALLI

Domenica 25 giugno alle 21.30 Piazza San Lorenzo verrà invasa dai costumi variegati e coloratissimi dei Dervisci Rotanti egiziani. La danza dei dervisci rotanti chiamati anche “semazen” è dichiarato dall’UNESCO Patrimonio del’umanità, un misto di arte e forte spiritualità. La parola “derviscio” ha acquistato il significato di “colui che cerca il passaggio”, ossia  la soglia, l’entrata che porta da questo mondo materiale ad un differente mondo spirituale. A Viterbo arriverà il gruppo più importante del Ministero della Cultura egiziano.

Giovedì 29 giugno alle 21.30 acrobati, giocolieri, clown, trampolieri, mangiafuoco e… tante altre sorprese! Piazza San Lorenzo si trasforma per una sera in un vero e proprio circo, mentre venerdì 30 giugno sempre alle 21.30 i protagonisti saranno i cavalli. Bartolo Messina è attualmente l’artista internazionale più apprezzato e corteggiato dalle maggiori organizzazioni di spettacoli e teatro equestre europei, reso celebre dal numero dei cavalli in libertà con otto cavalli e il minihorse Ciarlie, il detentore del GuinnessWorld record quale cavallo più piccolo al Mondo.

IN RETE CON LO STREAMING

Caffeina trasmetterà ogni sera in diretta streaming sulla sua pagina ufficiale Facebook (che conta 2 milioni 250 mila like) gli appuntamenti principali della serata: un’iniziativa pensata per fare rete con tutti gli amanti della cultura in Italia.

GLI APPUNTAMENTI PRINCIPALI DI CAFFEINA 

Il programma completo al sito: www.caffeinacultura.eu

VENERDì 23 GIUGNO

– Alle 21:00, presso Piazza del Gesù, sarà Claudio Sanfilippo a salire sul palco con Solo Concert. Il cantautore, vincitore del Premio Tenco (migliore opera prima) con Stile libero (1996), ha inciso più di dieci album e scritto per Mina, Finardi, C. De André, Bertoli, i tenori Licitra e Alvarez.

– Alle 21:00, presso il Cortile del Palazzo dei Priori, con il monologo Cercando segnali d’amore nell’universo (Mondadori) Luca Barbareschi narrerà le profondità del suo essere uomo, attore, manager culturale e di come la sua ricerca di senso si sia mutata in cammino spirituale. Con le parole dei grandi, come Shakespeare e David Mamet, Barbareschi parlerà a chi non smette di credere nei sogni, nelle storie, nelle lunghe attese.

– Piazza San Lorenzo, alle 21:30, vedrà protagonista Roberto Saviano ed il suo La paranza dei bambini (Feltrinelli). Il libro narra l’ascesa di un gruppo di fuoco legato alla Camorra e del suo capo, il giovane Nicolas. I ragazzi imparano a sparare e scendono in strada per ottenere il controllo dei quartieri sottraendoli alle paranze avversarie. Paranza è nome di mare e di barche che vanno a caccia di pesci da ingannare con la luce: così questa è la storia di ragazzini guizzanti di vita, di adolescenze “ingannate dalla luce”, di morti che chiamano morti.

– Alle 22:00, presso Piazza del Gesù, sarà il concerto della Woody Gipsy Band ad essere protagonista. I cinque ragazzi di Milano a JazzUp Caffeina presenteranno il loro nuovo disco, Djungle, che unisce stile manouche di Django Reinhardt e contaminazioni con suoni e strumenti esotici. 

SABATO 24 GIUGNO

– Alle 21:00 presso il Cortile del Palazzo dei Priori, Gianluigi Nuzzi con il suo spettacolo Pecunia, tratto da Sua Santità, Vaticano S.P.A. e Via Crucis (Chiarelettere), porterà in scena la difficile lotta di Papa Francesco per cambiare la Chiesa e il suo contraddittorio rapporto con il denaro. Riuscirà il nuovo Papa dove gli altri hanno fallito?

– Piazza San Lorenzo alle 21:30 ospiterà uno dei principali momenti dell’edizione 2017 del Festival. Con Madamina il catalogo è questo, Elio affiancato dal soprano Scilla Cristiano e da I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, presenteranno una carrellata del repertorio più conosciuto dell’opera buffa. Uno straordinario Elio, nella doppia veste di narratore e baritono, intreccerà narrazione favolistica e parti del libretto d’opera.

– Presso il Cortile Holden alle 22:00 Michele Dalai presenterà il suo libro La lentezza della luce (Mondadori), in cui intreccia le vicende di grandi sportivi sconfitti a quelle del narratore. E questi grandi sportivi perdenti sono, al tempo stesso, monito ma anche fratelli dello sportivo amatoriale, uniti nel nella rabbia della sconfitta eppure consapevoli che proprio lì, e non nella vittoria, sta la possibilità di apprendere una lezione determinante per la vita.

Marcello Fois, alle 22:30 presso il Cortile di Palazzo dei Priori, presenterà il suo Quasi Grazia (Einaudi), un romanzo in forma di teatro intorno alla figura di Grazia Deledda, l’unica donna italiana che abbia vinto il Premio Nobel per la Letteratura. Seguendo con calore quella vita questo libro si interroga sulla scrittura, l’amore coniugale, il ruolo della donna e il senso del fare artistico.

DOMENICA 25 GIUGNO

– Alle 21:00 presso il Cortile del Palazzo dei Priori Veronica Pivetti presenterà il suo libro Mai all’altezza (Mondadori) in cui spiega come nella vita di ognuno ci siano episodi apparentemente insignificanti in grado di determinare chi si diventerà e ripercorre con ironia e verve questi eventi e i traumi di una vita.

– Piazza San Lorenzo alle 21:30 ospiterà uno straordinario spettacolo di danza dai ritmi musicali lenti e poi accelerati, uniti da costumi coloratissimi e variegati in esclusiva per Caffeina Festival con la Sufiu Tannoura Dance (Al Darawish), Dervisci. Secondo la setta di Mulawia, un ballerino si muove secondo il concetto filosofico dei rituali islamici del sufismo. L’universo inizia e finisce nello stesso punto di rotazione e quando il ballerino tende la mano destra verso l’alto e la sinistra verso il basso simboleggia l’unione fra terra e cielo.

Alle 22:00 presso il Cortile Holden Roberto Perrone presenterà il suo nuovo romanzo La seconda vita di Annibale Canessa (Rizzoli) in cui lascia le trame d’amore per il noir e inventa Annibale Canessa, un ex poliziotto antiterrorismo raccontando gli anni di Piombo e facendo un ripasso della storia recente.

– Alle 22:30, presso il Cortile del Palazzo dei Priori, sarà la volta di Riccardo Rossi che presenterà il suo libro Così Rossi che più Rossi non si può (Cairo Publishing) in cui, al giro di boa dei 50 anni, cerca di esorcizzare la paura di invecchiare ripercorrendo simboli di infanzia e adolescenza attraverso il restauro del motorino o l’acquisto di un giradischi per l’ascolto di vecchi vinili. 

LUNEDì 26 GIUGNO

– Alle 20:00, presso la Libreria di Piazza del Plebiscito Paola Calvetti presenterà “Gli innocenti” (Mondadori), un romanzo che racconta di come l’amore non sempre riesca a salvarci e che fornisce un monito ai lettori affinché possano cogliere come occasioni gli imprevisti che presenta loro la vita.

Nessuno può fermarmi (Feltrinelli) è il titolo del romanzo di Caterina Soffici che l’autrice presenterà presso il Cortile Holden alle 21:00, un romanzo sull’amore e l’amicizia, sull’emigrazione e la paura dell’altro, la sopravvivenza e il passato che ritorna.

– Alle 21:30 in Piazza San Lorenzo sarà la volta di Enrico Ruggeri che parlerà del suo libro Sono stato più cattivo (Mondadori), scritto in occasione del suo sessantesimo compleanno, per raccontare per la prima volta la sua vita. Ruggeri con questo libro compone un memoir letterario che ripercorre con affetto e durezza la sua vita, tappa dopo tappa, tra successi e fallimenti, cadute e rinascite.

Flavia Perina con il suo libro Le Lupe (Baldini&Castoldi) sarà protagonista dell’incontro delle 22:00 presso la Libreria di Piazza del Plebiscito. il libro racconta il lato privato di una tragedia pubblica ed è ispirato alle vicende di Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, Giuseppe Uva.

– Presso il Cortile Holden, alle 22:00, Raffaella Silvestri presenterà il suo libro La fragilità delle certezze (Garzanti), in cui narra la storia di Anna, che ha trent’anni e da sempre si sente fuori posto, e chiede ai personaggi se sono pronti ad affrontare un futuro a cui nessuno li ha preparati.

MARTEDì 27 GIUGNO

– Alle 21:00 presso Piazza del Gesù salirà sul palco l’Alessandro Centolanza Band. Tra cantautorato e jazz, Centolanza suonerà brani del suo nuovo album Canzoni, nel bene e nel male in cui si trovano appunti di viaggio, amori possibili e impossibili, sorrisi e nostalgia. Con colpi di scena e incursioni di teatro.

Antonella Lattanzi, alle ore 21:00 presso il Cortile Holden, presenterà il suo nuovo romanzo Una storia nera (Mondadori) in cui racconta di Vito e Carla, separati da due anni, con una figlia piccola che il giorno del suo terzo compleanno vuole che il papà venga a cena. Per una sera la famiglia è di nuovo unita, ma subito dopo la festa Vito scompare. L’autrice rivela, uno dopo l’altro, i segreti che ruotano attorno ai suoi personaggi, fino a far luce su quello che è successo davvero quella notte.

– Presso il Cortile di Palazzo dei Priori alle 21:00 vi sarà l’incontro con Michela Marzano che parlerà del suo L’amore che mi resta (Einaudi), storia di una madre e della sua sofferenza dopo il suicidio della figlia, sofferenza nutrita con devozione perché è tutto quello che rimane e perché ricominciare a vivere dopo la perdita sembra un sacrilegio: “Senza amore si è morti, prima ancora di morire”.

La portò sopra una stella, Omaggio a Fabrizio de Andrè, è il titolo dello spettacolo che andrà in scena alle 21:30 presso Piazza San Lorenzo. Neri Marcorè e la band Hotel Supramonte ricreeranno atmosfere sinestetiche e musicali proprie di De André andando oltre il canonico tributo.

– Alle 22:00 presso il Cortile Holden Francesca Barra presenterà il suo nuovo romanzo L’estate più bella della nostra vita (Garzanti), una storia di amori e amicizie che permettono agli adolescenti di diventare adulti felici. La storia di tre sorelle e di un’estate che ha perso il suo velo di nostalgia per diventare quel momento in cui ogni cosa torna al suo giusto posto.

– Sarà il Cortile di Palazzo dei Priori alle 22:30 ad ospitare Cleo Toms e il suo La magia delle #piccolecose (Rizzoli), secondo capitolo della storia di Luna, alle prese con una decisione difficile: scegliere se vivere il suo grande amore fino in fondo o dimenticarlo per sempre.

MERCOLEDì 28 GIUGNO

– Alle 21:00 presso Piazza San Carluccio Antonio Dikele DiStefano racconterà il suo Chi sta male non lo dice (Mondadori), storia di due ragazzi partiti dall’Africa per l’Europa senza sapere che questo paese non è pronto ai loro tratti del viso né preparato a sostenere le loro ambizioni. I due attraverseranno grandi difficoltà non smettendo mai di amare la vita.

Fiamma Satta sarà protagonista dell’incontro delle 21:00 presso la Libreria di Piazza del Plebiscito, in cui presenterà Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla (Mondadori) dove “Io” è la voce narrante della Sclerosi Multipla e la sua vittima prediletta è “lei”. Tutto in loro è simbiotico e opposto e la malefica progressione della malattia e la storia d’amore corrono parallele fino a incontrarsi nel finale.

– Il Cortile del Palazzo dei Priori ospiterà alle 21:30 Diego De Silva con il suo Divorziare con stile (Einaudi) in cui il protagonista Vincenzo è alle prese con il naso rotto di un suo quasi-zio, la causa di separazione della sensualissima Veronica e una cena con i vecchi compagni di scuola, quasi tutti divorziati. Il libro ci porta a riflettere su come la vita sia fatta anche di separazioni ricorrenti, ma sono spesso l’unico strumento che abbiamo per capire chi siamo.

– Piazza San Lorenzo alle 21:30 vedrà protagonisti Matteo B. Bianchi e Geppi Cucciari in un incontro in cui verrà presentato il libro Maria Accanto (Fandango) di Matteo B. Bianchi che narra la storia di una giovane donna con una vita normale a cui appare una sera la Madonna. Maria ha bisogno di una persona semplice con cui fare esperienza della vita delle sue coetanee sulla Terra. Sul palco ci saranno anche gli Street Clerks, usciti da X Factor 7 e con Alessandro Cattelan nel suo #EPCC.

– Alle 22:30 Lirio Abbate, presso il Cortile di Palazzo dei Priori, condurrà gli spettatori nel passato fino al 1999 quando Massimo Carminati svuota il caveau della banca più sorvegliata d’Italia rubando 18 miliardi e la lista di 147 cassette di sicurezza connesse ai più grandi misteri d’Italia: dalla strage di Bologna alla P2. Abbate nel suo La Lista (Rizzoli) racconta di come Carminati sia riuscito a creare il grande ricatto allo Stato e alla Giustizia.

Giorgio Terruzzi alle 22:00 presso presso la Libreria di Piazza del Plebiscito presenterà il suo Semplice (Rizzoli), in cui racconta gli inciampi e la forza dei sentimenti dell’adolescenza, e ci ricorda che c’è sempre tempo per riscoprire un’amicizia autentica, perché una squadra che ha lottato davvero non abbandona nessun compagno. 

GIOVEDì 29 GIUGNO

– Alle 19:00 presso la Libreria di Piazza del Plebiscito vi sarà un incontro in cui Chiara Francini presenterà il suo Non parlare con la bocca piena (Rizzoli), una storia di lacrime e risate, dentisti e caramelle, nonne, zie e amiche tatuate, cuori e nostalgie, a cui interverrà Aldo Cazzullo.

– Piazza San Lorenzo dalle 21:30 si trasformerà per una sera in un vero e proprio circo con acrobati, giocolieri, clown, trampolieri, mangiafuoco e tante altre sorprese. #acacciadistelledanzanti-Stasera… il Circo! è il titolo della serata che porterà in scena una cultura non legata ai libri e non seria, ma non per questo meno importante.

– Piazza San Carluccio alle 21:00 sarà lo scenario del reading di Giuseppe Culicchia che porterà il pubblico all’interno di Moby Dick, libro-mondo in cui la caccia feroce e disperata del Capitano Ahab, ossessionato dalla Balena Bianca e dalla vendetta, è metafora dell’insensatezza dell’esistenza, resa dei conti con la Morte.

Aldo Cazzullo presso Piazza del Plebiscito alle 22:00 presenterà il suo Le donne erediteranno la terra. Il nostro sarà il secolo del sorpasso (Mondadori) attraverso letture di Chiara Francini e racconterà perché il nostro sarà il secolo del sorpasso delle donne sugli uomini, in quanto più dotate per affrontare l’epoca grandiosa e terribile che ci è data in sorte. 

VENERDì 30 GIUGNO

Presso il Cortile Holden alle 21:00 Alberto Garlini presenterà il suo Il fratello unico. Un’indagine di Saul Lovisoni (Mondadori), un giallo raffinato in cui il protagonista Saul, dopo essersi ritirato, vuole tornare in attività in veste di investigatore privato per risolvere il caso dello scomparso Bernardo.

Giuseppe Culicchia salirà sul palco in Piazza San Carluccio alle 21:00 per un incontro reading di 1984, il più celebre romanzo distopico del Novecento di Orwell che, come ogni grande classico sempre contemporaneo, ci parla in modo inquietante del nostro presente.

– Alle 21:30 presso Piazza San Lorenzo andrà in scena Cavalli a passo di danzaSpettacolo equestre sotto le stelle. Uno spettacolo unico ideato da Bartolo Messina, attualmente l’artista internazionale più apprezzato e corteggiato dalle maggiori organizzazioni di spettacoli e teatro equestre europei.

SABATO 1 LUGLIO

Guido Catalano sarà protagonista dell’incontro delle 21:00 presso il Cortile di Palazzo dei Priori con Ogni volta che mi baci muore un nazista (Rizzoli), nuovo coinvolgente viaggio fatto di dialoghi tra innamorati, indomabili versi, travolgenti emozioni e un pizzico di erotismo.

– Alle 21:30 Giuseppe Culicchia presenterà il suo romanzo Essere Nanni Moretti (Mondadori), in cui il protagonista, non riuscendo a scrivere un libro, decide di farsi crescere la barba e diventare il sosia di Nanni Moretti. Un’esilarante satira dei vizi e delle distorsioni dell’industria culturale italiana; una riflessione sull’identità, le aspirazioni, l’ammirazione, l’invidia e l’accettazione di sé.

Dove tutto è a metà (Mondadori) è il titolo del libro di Federico Zampaglione, protagonista dell’incontro delle 21:30 in Piazza San Lorenzo. Romanzo pieno di ritmo, racconta l’amicizia, i sogni e le passioni di generazioni diverse disperatamente, come tutte, alla ricerca della felicità.

Oscar Farinetti incontrerà gli spettatori alle 22:30 presso il Cortile di Palazzo dei Priori e parlerà del suo nuovo libro Ricordiamoci il futuro. Sette storie e un riassunto (Feltrinelli) in cui torna sui temi della biodiversità e dell’eccellenza italiana nel campo agroalimentare. Lo fa con racconti in cui personaggi appartenenti a epoche diverse dialogano di scoperte e storia dell’agricoltura; si interrogano sul rapporto fra uomini e animali e provano a immaginare un futuro sostenibile 

DOMENICA 2 LUGLIO

– Alle 19:00 presso la Libreria di Piazza del Plebiscito sarà la volta di Loredana Lipperini ed il suo romanzo L’arrivo di Saturno (Bompiani): due storie che s’intrecciano, una vera e una di finzione, quella di una giovane giornalista scomparsa in Libano 36 anni fa e quella di un celebre falsario olandese processato nel 1947. Due romanzi in uno, una doppia vicenda appassionata e travolgente, guidata da un dolore mai sopito.

– Sarà il Cortile Holden alle ore 21:00 ad ospitare Stefano Bartezzaghi che, attraverso le pagine del suo libro “Parole in gioco” (Bompiani) porterà il pubblico a capire come funzionano e come siano sempre esistiti i giochi di parole e lo inviterà ad appropriarsi di questi guizzi di intelligenza.
– Il gran finale dell’edizione 2017 di Caffeina Festival vedrà protagonista Nicola Piovani che porterà in scena un racconto musicale narrato da diversi strumenti alternando brani inediti a nuove versioni di quelli più noti. Piovani racconterà il percorso musicale che lo ha portato a lavorare con De André, Fellini, Magni; il teatro, il cinema, la televisione.

IL BRACCIALETTO PER ENTRARE A CAFFEINA

Un braccialetto che ogni sera cambierà colore permetterà di godere del festival a 360 gradi. Spettacoli e non solo. Il costo è di 4 euro (5 euro se si vuole donare un euro per la riapertura del teatro San Leonardo di Viterbo).

Il braccialetto darà accesso alle location e agli eventi in programma, esclusi quelli speciali, inoltre si potrà usufruire di sconti e agevolazioni in esercizi commerciali, stand, bar e ristoranti che sono all’interno della Cittadella, e anche nell’acquisto di libri.

Per gli spettacoli di Elio sabato 24 giugno e di Nicola Piovani domenica 2 luglio il biglietto sarà di 12 euro. Prevendite su: www.boxofficelazio.it

PER INFO:

www.caffeinacultura.eu

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*