“Falling” giovedì 15 giugno al Teatro Vascello

Michele Pogliani e il suo gruppo MP3 Project tornano sul palco del Teatro Vascello giovedì 15 giugno alle ore  21.00 con “Falling”, una nuova produzione coreografica nata in seno ad MP3 Projects a conclusione del percorso di questo anno.

Diciotto gli interpreti in scena in una maratona coreografica firmata dagli artisti ospiti di MP3 Project: “Falling” è infatti  il risultato di laboratori con Lorand Zachar (coreografo internazionale ungherese), Nastja Bremec & Michal Rynia (direttori artistici della MN Dance Company, Slovenia), Lorenzo Schiavo, Gabriele Montaruli, Luca Russo e lo stesso Pogliani.  Inoltre alcuni dei danzatori presenteranno loro coreografie.

La serata è dedicata alla generazione così detta Millinial Generation o ancora conosciuta come Generation Next o Net Generation e affronta diversi aspetti del loro mondo. Questa generazione è caratterizzata da un maggiore utilizzo e una maggiore familiarità con la comunicazione, i media e le tecnologie digitali e rappresenta la tendenza all’ottimismo verso il futuro, all’ambizione, alla tolleranza, all’intraprendenza, alla competitività, alla testardaggine ma anche al narcisismo.

Una generazione in caduta libera, senza paracadute, in un mondo che presenta infinite  possibilità.  Quello che decideranno di fare del futuro? Solo loro potranno deciderlo.

Biglietti 10 euro / info: www.mp3project.it, www.teatrovascello.it 

MICHELE POGLIANI

Nato a Roma comincia i suoi studi di danza presso il Centro Professionale di Danza Contemporanea diretto da Elsa Piperno e Joseph Fontano.
Nel 1984 si trasferisce a New York per continuare i suoi studi principalmente con Merce Cunningham e nel balletto classico.

Durante i dodici anni trascorsi a New York, lavora con varie compagnie: Rosalind Newman and Dancers (1986-87), Laura Dean Dancers and Musicians (1988) e la Lucinda Childs Dance Company (1989-1996), con la quale partecipa al tour mondiale dell’opera Einstein on the Beach di Robert Wilson e Philip Glass. Contemporaneamente lavora con giovani coreografi quali Eric Barsness, Ruby Shang, Doug Varone e in Italia con Enzo Cosimi, Roberta Gelpi e Adriana Borriello.

Al suo rientro in Italia nel 1996 presenta uno spettacolo di assoli, Rebel Angels, con le coreografie di Molissa Fenley, Jeremy Nelson, Sara Skaggs, Doug Varone e Tere O’Connor.
Debutta come coreografo nel 1996 con La Rosa Incarnata commissionata dalla compagnia Danzare la Vita.

Nel 1997 forma la sua compagnia CMP con la quale produce diversi
spettacoli a serata. Dal suo debutto alla definitiva chiusura nel 2005,
la compagnia lavora molto in Italia e all’estero (Francia, Inghilterra, Israele,
Marocco, Belgio). Vanta inoltre coproduzioni con festival ed enti quali Festival
Inquilibrio, AMAT, Festival Montpelleir Danse, Comune di Roma e Festival di Todi.
Dal 1997 a oggi ha creato balletti per varie compagnie e accademie:
Ilinx per il Balletto di Toscana (per loro monta anche una versione di
20 minuti di Cyber Queer Lounge), SINless e Coppelius: ACT2themirror
per la Compagnia del Teatro Nuovo di Torino, The Four Sections, Pulcinella
e Ballo Sport per l’Accademia Nazionale di Danza, Venus as a Boy #1 per la
Rotterdamse Dansacademie, Capricci e Bisticci per il Balletto di Mimma Testa,
The Arena Love per il Dansgroep Krisztina de Chatel e L’Arte della Fuga per il Festival RODA di Rotterdam.
Nel 2010 rimontata The Arena Love per Il Balletto di Roma e crea per loro Compromised: The Drama, WWW e Parental Advisory. Nel 2013 ha creato My name DITE per il Kaos-Balletto di Firenze.

Dal 2004 al 2009 è stato Coordinatore e docente presso CODARTS – Rotterdamse Dansacademie in Olanda sotto
la Direzione Artistica di Samuel Wuersten.

Nel 1998 vince il Premio Danza&Danza come miglior coreografo/danzatore, nel 2001 il Premio Positano alla carriera
e nel 2005 il Premio Anita Bucchi come miglior coreografia con “Venus as a Boy”.
Dal 2010 al 2012 realizza come Better World Production, AMBIGUITY 7.0 un progetto molto articolato composto
da 7 video dance, sette ritratti della genesi umana e della sua ambiguità. Al progetto collabora un team creativo
composto da regista e montatore video, danzatori e coreografi, scenografa e costumista, attori e performer.
Una partitura musicale inedita fa da filo conduttore tra i vari linguaggi di danza e di recitazione.
Con lo stesso nome realizza nel novembre del 2012 uno spettacolo per la Compagnia del Balletto di Roma.
E’ il Talent Scout ufficiale in Italia per la Codarts, University of the Arts di Rotterdam.
Nel dicembre del 2015 sviluppa MP3 Project un format e marchio registrato che nasce per creare corsi di avviamento professionale per danzatori, eventi e video nel mondo della danza.

Coreografie di Michele Pogliani, Lorand Zachar, Nastja Bremec & Michal Rynia, Lorenzo Schiavo, Gabriele Montaruli, Luca Russo, e i danzatori di MP3 Project. 

Costumi / Tiziana Barbaranelli

Luci / Stefano Pirandello

Coordinatore del progetto / Fabrizio De Angelis

Musiche /Autori vari

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*