Di Battista: “Ci sono riusciti. Mario Orfeo, attuale direttore del Tg1, sarà direttore generale della Rai”

Ci sono riusciti. Mario Orfeo, attuale direttore del Tg1, sarà direttore generale della Rai. Io ho attaccato Orfeo molte volte e continuerò a farlo. Attaccherò sempre il suo modo di fare informazione: parziale, strumentale, cucita su misura sul PD e su Renzi. Oggi la sua fedeltà viene premiata: nonostante sia stato uno dei peggiori direttori della storia del Tg1, per la qualità dell’informazione offerta, viene promosso direttore generale della Rai. Si è guadagnato la promozione a forza di manipolazioni mediatiche, attacchi scomposti al M5S e a forza di disonestà intellettuale. Ricordo quando dal centrosinistra si levavano critiche e attacchi a Minzolini per la vicinanza a Berlusconi. Oggi il PD (ancora una volta) supera Berlusconi. Piazza Orfeo a dirigere il nostro servizio pubblico radiotelevisivo, a dimostrazione del fatto che a questi signori altro non interessa che il potere. E poi ai convegni li sentiamo parlare di modello BBC, di pluralismo e informazione corretta. Dovremmo indignarci ma riflettiamo. Questi colpi messi a segno dal “potere” ne dimostrano tutta la debolezza. Ricordate il Tg1 che campagna fece per il SÌ al referendum? Ebbene non gli è servita. E ricordate che trattamento riservava alla Raggi in campagna elettorale (Orfeo viene da Il Mattino di Caltagirone, quello al quale non abbiamo fatto fare le olimpiadi)? Non gli è servito. Occupano la Rai, le tolgono dignità e si sentono onnipotenti ma le loro più che prove di forza sono ultimi colpi di coda di “animali da potere” morenti.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9860 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*